L’artista Kalambay, professore di boxe

ENNIO Galeazzi se ne è andato, l’ho saputo leggendo un post di Sumbu Kalambay su Facebook. E mi sono subito tornati alla mente quei due. Ennio, parlata marchigiana cantilenante, aveva sempre il sorriso sulle labbra. Ma dentro era un fermento, aveva un pensiero fisso. Cercava continuamente la soluzione per trovare la via giusta. Sapeva di avere nelle mani l’uomo adatto, il campione, doveva solo fargli percorrrere il cammino migliore. Sumbu Kalambay era stato convinto da Mario Mattioli a farsi chiamare Patrizio, come Oliva. Il napoletano era personaggio famoso in quegli anni Ottanta. E poi il papà di Kalambay si chiamava … Continua a leggere L’artista Kalambay, professore di boxe

Stangata su Roma, 3000 euro di pedaggi!

L’ALTRO giorno ho preso il 160. Il bus che porta da Tor Marancia a Villa Borghese. In pratica collega la periferia di Roma al centro. Non so se siano state le sospensioni inesistenti del mezzo, le buche che riempiono le strade della Capitale o entrambe le cose. Fatto è, come direbbe Maurizio Battista, che alla partenza ero seduto in ultima fila e all’arrivo mi sono ritrovato accanto al guidatore. Salti, scossoni, sindrome da terremoto. Schiena a pezzi, mal di stomaco. Un disastro. Eppure il costo del biglietto Atac è aumentato. Le cifre ufficiali dicono del 50% (da 1 euro a … Continua a leggere Stangata su Roma, 3000 euro di pedaggi!

I giornali, lo sport e il calcio

C’È un gruppo su Facebook, si chiama “Leggo la Gazzetta alla rovescia”. Mi sembra sia chiaro chi ne faccia parte, sono tutti quelli a cui piacciono gli “sport vari”. Così i cultori del dio calcio chiamano con una punta di disprezzo il resto del mondo. Atletica, ciclismo, pugilato, moto, pallavolo, basket, ginnastica, formula 1, tennis, nuoto, pallanuoto, rugby, sci e via dicendo sono discipline che devono lottare per avere cittadinanza nel mondo mediatico. Ancora una volta i soci del club di Facebook si chiedono: “Perché?” Lo spazio mediamente accordato al “non calcio” è il 25% del totale. E quel 25% … Continua a leggere I giornali, lo sport e il calcio

Kilimanjaro, il cricket in cima al mondo

C’È chi cerca i suoi quindici minuti di popolarità, chi lo fa per sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere fondi per cause nobili. E poi ci sono quelli a cui piace semplicemente la stravaganza fine a se stessa. Questo è lo sport un po’ folle, quello che racconta sfide il cui fine ultimo è entrare nel Guinness dei Primati. Il calcio si è scavato una nicchia particolare in questo universo delle stranezze. Ha creato uno stadio all’interno di una montagna in Portogallo, ne ha costruito uno sull’oceano nelle Isole Fær Øer o su un grattacielo a Tokyo. Ha messo in piedi … Continua a leggere Kilimanjaro, il cricket in cima al mondo

Blatter e un calcio senza regole

SEPP Blatter nello stesso giorno mette a segno, come direbbero i bravi telecronisti, una doppietta personale. Cosa mai vorrà significare e perché non si possa più semplicemente dire doppietta qualcuno prima o poi me lo spiegherà? Mah.Torniamo al 78enne svizzero che annuncia la candidatura per il quinto mandato consecutivo e ci informa che il “rapporto Garcia”, che illustra la corruzione che ha inquinato le consultazioni per l’assegnazione dei mondiali 2018 in Russia e quelli del 2022 in Qatar, resterà segreto.“Fatti nostri, perché divulgarli?” È più o meno il Blatter pensiero.I Mondiali in Qatar, ricordate? Quelli del caldo atroce. La Fifa … Continua a leggere Blatter e un calcio senza regole

Il personalissimo cartellino di Rino Tommasi

SABATO La Grande Boxe torna in televisone, su Italia 1. Mi sembra una buona occasione per parlare di chi quella storica trasmissione l’ha inventata. Rino Tommasi non farà le telecronache, lo dico per informare quegli appassionati ingannati da una frase dell’articolo che ho scritto per questo blog e boxeringweb. Ma non si può pensare al pugilato degli ultimi cinquant’anni senza pensare a Rino che, forse, stavolta vedrà il match comodamente seduto in poltrona davanti alla Tv. Tommasi, classe 1934, il pugilato l’ha vissuto in molti modi. Ha fatto l’organizzatore di successo, facendo lavorare, eravamo negli anni Sessanta, Benvenuti, Arcari, Rinaldi, … Continua a leggere Il personalissimo cartellino di Rino Tommasi

A casa di “mani di pietra” Duran

HO INCONTRATO Roberto “mani di pietra” Duran a Miami in un caldo giorno di fine ottobre, tanti anni fa. Avevo il suo indirizzo scritto in stampatello su un foglietto a quadretti custodito nella tasca posteriore dei jeans. MIAMI BEACH CLUB 601. Era sulla 39 North West, appena fuori città. Con me c’erano Mario Bruno di Tuttosport, Franco Esposito del Mattino e l’inseparabile Teo Betti del Messaggero. L’appuntamento per l’incontro con il campione era fissato alle 12, davanti a un cancello bianco. L’indirizzo ce l’aveva dato Luis De Cubas, un manager cubano-americano, che avevamo conosciuto qualche tempo prima. -Luis, puoi metterci … Continua a leggere A casa di “mani di pietra” Duran

Kostner, Cagnotto e l’amore fuorilegge

IL CORRIERE dello Sport e Tania Cagnotto dicono che mentire per amore non è reato. Il procuratore capo di Bolzano dice che lo sport è omertoso. Io sto con lui. L’amore è un sentimento meraviglioso. Per amore si possono perdonare sbagli, errori. Si possono accettare situazioni inaccettabili. Tutto è concesso sino a quando si resta nel privato di un rapporto a due. E neppure sempre. Come ad esempio, calma: non ha alcuna attinenza con il caso, quando si tratta di violenza domestica. Ma niente è concesso quando le azioni di uno vanno a danno di altri. A quel punto il … Continua a leggere Kostner, Cagnotto e l’amore fuorilegge

Milan provinciale, offende il suo passato

“IL MILAN gioca come una provinciale, e questo è un complimento” dice Beppe Bergomi su Sky. Parola di interista. Il Milan gioca come una provinciale, e questo è una vergogna, dico io. Parola di milanista. La colpa non è certo degli uomini messi in campo contro la Juventus, né di Pippo Inzaghi che almeno una qualità è riuscito a trasmetterla a questa squadra: la voglia di non mollare mai, lo spirito di sacrificio. La colpa è di chi ha costruito e di chi gestisce il club. La vendita di Ibra, Thiago Silva e Pato ha portato nelle casse milaniste 77 … Continua a leggere Milan provinciale, offende il suo passato

Colpo di scena. Italia 1 riapre al pugilato

COLPO di scena. Torna La Grande Boxe, lo storico programma Mediaset “inventato” molti anni fa da Rino Tommasi. Torna su Italia 1 ogni sabato alle 23:45 con la trasmissione di un’importante riunione in leggera differita. Si sta stilando un calendario che arrivi sino al 20 dicembre, con il nuovo anno si andrà avanti. In programma da qui a fine 2014 tredici serate, sette delle quali in Italia. Ecco gli appuntamenti già definiti. 27 marzo (da Viterbo) europeo leggeri Marsili (foto) vs Mizsey jr. 4 ottobre (da Leeds) europeo piuma, vacante, Warrington vs Dieli. Nello stesso programma quasi certamente l’europeo superleggeri … Continua a leggere Colpo di scena. Italia 1 riapre al pugilato