Il personalissimo cartellino di Rino Tommasi

1839246-rinotommasi

SABATO La Grande Boxe torna in televisone, su Italia 1. Mi sembra una buona occasione per parlare di chi quella storica trasmissione l’ha inventata.

Rino Tommasi non farà le telecronache, lo dico per informare quegli appassionati ingannati da una frase dell’articolo che ho scritto per questo blog e boxeringweb.

Ma non si può pensare al pugilato degli ultimi cinquant’anni senza pensare a Rino che, forse, stavolta vedrà il match comodamente seduto in poltrona davanti alla Tv.

Tommasi, classe 1934, il pugilato l’ha vissuto in molti modi.

Ha fatto l’organizzatore di successo, facendo lavorare, eravamo negli anni Sessanta, Benvenuti, Arcari, Rinaldi, Burruni, Loi, Lopopolo. Ma anche Ray Sugar Robinson, Archie Moore, Emile Griffith e tanti altri.

Match equilibrati, programmi messi su seguendo il gusto del pubblico e senza tanto protezionismo nei confronti dei nostri. Per Benvenuti, tanto per fare un esempio, prese Teddy Wright. Una cosa impensabile al giorno d’oggi.

A ripagare quei rischi c’erano però le borse. Sostanziose e soprattutto puntuali.

Finita l’epoca dell’organizzazione ha cominciato a raccontare boxe sui giornali.

Ha scritto per Tuttosport, Gazzetta dello Sport, Il Tempo. Ha vinto premi importanti, ha girato il mondo.

Con l’ingresso a Canale 5 ha fatto il grande salto. È diventato telecronista, ruolo in cui ha commentato circa quattrocento campionati del mondo.

Nel 1986 a New York, Bill Cayton mi fece vedere le immagini di uno sconosciuto peso massimo. Mi è bastato qualche minuto: ho comprato quella videocassetta e i diritti televisivi dei successivi incontri di quel pugile. Era Mike Tyson.”

tommasi-rino

Ricordo due spezzoni di commenti.

Una delle più belle riprese a cui mi sia mai stato dato di assistere.”

(la sesta di Hagler-Mugabi, fantastica telecronaca)

Deficiente!

(Holyfield-Foreman, i poliziotti avevano lanciato fuori dal ring gli spettatori che vi erano incautamente saliti. Un tifoso aveva centrato in pieno Rino durante la telecronaca in diretta).

Poi è passato a Tele+, diventandone il primo direttore dei servizi giornalistici.

Con Rino ho diviso molte trasferte.

Non sempre mi sono trovato d’accordo con lui. Abbiamo fatto anche una sorta di dibattito su Canale 5 dopo Hagler-Leonard. Lui sosteneva che era stato un match combattuto, io ero dell’idea che fosse stato privo di animosità. Coordinava Guglielmo Zucconi, in studio c’era Nino Benvenuti.

Sulla cinematografia legata alla boxe abbiamo un punto in comune.

Non mi piacciono i film in cui si vede il pugilato finto. Il primo Rocky sarebbe stato perfetto se fosse finito al primo colpo di gong.”

Parlare di sport con Rino è sempre un piacere. Lo ama, lo conosce, ne ricorda ogni particolare. Ha il rigore tecnico del competente, la capacità analitica del giornalista di razza.

tommasi-e-burruni

Stima la boxe.

“In tutta la storia del pugilato ci sono stati meno incontri truccati che in una stagione dei campionati di calcio in Italia dalla serie A alla Z…

E ancora.

Non penso che il pugilato sia pericoloso e faccia vittime. Il pugilato è uno sport, una disciplina. Negli Stati Uniti ha tolto tantissimi ragazzi dalla strada, impedendogli di fare una brutta fine.”

E lui che ha viaggiato il mondo intero per raccontare sport, ha fissato in un match di pugilato il momento chiave vissuto come testimone.

L’evento sportivo più affascinante al quale ho assistito è stato l’incontro tra Muhammad Ali e George Foreman a Kinshasa nel 1974.”

È vero, non è mai stato un esempio di modestia anche perché sostiene che sia figlia dell’ipocrisia.

Gli arbitri hanno due possibilità: essere d’accordo con me o sbagliare.”

Il suo “personalissimo cartellino” non può essere messo in discussione.

Con gli arbitri ha un conto aperto da sempre.

In questa Olimpiade di Seul i pugili sono dilettanti, ma i giudici sono ladri professionisti.”

Rino Tommasi, un grande.

Uno che ha interpretato alla lettera un motto che mi ha sempre affascinato.

Io la mia vita ho deciso di viverla come l’ho sognata.” (Sabine Azéma in “Una domenica in campagna” di Bertrand Tavernier)

Spero che sabato sera sia davanti alla tv e si goda la sfida europea di Marsili, in fondo è il ritorno della Grande Boxe.

Stimo Rino Tommasi, uno dei più culti giornalisti sportivi in assoluto. Un cervello essenzialmente matematico però capace di digressioni etico-fantastiche quali consente uno sport come il pugilato. Io lo chiamo professore senza la minima ombra di esagerazione scherzosa.”

Parola di Gianni Brera.

 

5 pensieri riguardo “Il personalissimo cartellino di Rino Tommasi

  1. peccato non ci sia il grande Tommasi a commentare la grande boxe soprattutto per chi come me e tanti altri sono cresciuti guardando le sue telecronache da bordo ring, a volte svegliandomi nel cuore della notte per vedere la diretta!

  2. rino tommasi e’ stato uno dei primi “veri” professionisti del giornalismo italiano, ha sempre conosciuto la materia che racconta, analizzandola con dati e statistiche in modo impeccabile . Mi spiace essere cosi’ schietto, ma rispetto a molti telegiornalisti improvvisati degli anni 80,, non faccio nomi, lui era ed e’ veramente di un’altra categoria.
    E’ stato il precursore del telegiornalista moderno: preparato, colto, sempre sul pezzo, il suo piu’ grande pregio sta nell’ aver fatto innamorare migliaia di persone a sport di nicchia o meno popolari, che vengono seguiti solo nei grandi eventi. In una hall of fame del giornalismo sportivo italiano, Tommasi starebbe sicuramente tra i primi 10, insieme a gente del calibro di Gianni Brera, Adriano De Zan, Bruno Pizzul (molto sottovalutato ma fine conoscitore della materia trattata) e Sergio Zavoli.

  3. L’esclamazione esatta di Tommasi quando fu colpito da uno spettatore caduto dal ring fu “Deficiente, cretino!”. L’incontro era Tyson vs Spinks del 1988, non Holyfield vs Foreman. Nelle successive repliche del match, la Mediaset censurò l’audio in cui Tommasi si arrabbiava…

      1. Se vuole le mando il file dell’incontro, che ho rivisto centinaia di volte con annessa esplosione del buon Rino. Era Tyson vs Spinks, 27 Giugno 1988. Diretta su Koper Capodistria, in seguito replicato da Italia Uno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...