Ligas attacca e offende Oliva e la mia professionalità. Quando si straparla…

le-parole-sono-qualcosa-che-vale-la-pena-festeggiare

Sul suo profilo Facebook, e in risposta a un articolo pubblicato su boxeringweb e dartortorromeo.com e poi ripreso su FB, il giornalista ed ex amico Franco Ligas lancia pesanti accuse contro Patrizio Oliva e la mia professionalità.
Non ho mai risposto ai continui attacchi di Franco (tranquillo, non sono fra quelli che quando sono in disaccordo con qualcuno che conoscono da anni lo chiamano per cognome e gli danno del lei), non ho risposto perché sono fedele a una corrente di pensiero.
:”Non condivido le tue idee ma mi batterò fino alla morte affinchè tu possa esprimerle“.
Attribuiscono questa frase a Voltaire.
Non mi interessa chi l’abbia detta, a me piace quel che dice.
Stavolta però ci sono falsità davanti alle quali non posso più tacere.

pat
Da più tempo Franco mi accusa, probabilmente gli farà piacere: è sulla stessa linea di Franco Falcinelli, di interpretare il ruolo di sobillatore, addirittura manipolatore di Patrizio Oliva.
Non contento di offendere l’intelligenza di Patrizio, di cui sono amico da quarant’anni: e questa sembra sia una colpa imperdonabile, mette anche in dubbio la mia onestà intellettuale.
I giornalisti dovrebbero portare fatti a sostegno delle loro tesi e dovrebbero anche non dimenticare il passato prima di lanciare accuse.
Non posso quindi continuare a tacere.
Ligas straparla. E chi straparla spesso dice cose che non può sostenere con i fatti (in corsivo il suo scritto originale, in neretto la mia risposta).

Vivitar

dario

“Oliva potrebbe essere il referente federale dei professionisti. Io non sono contro lui e chiunque si presenti. Non sono parte interessata e mi chiamo fuori. Non posso accettare che altri scrivano cose non vere per sostenere, più che i candidati, ma attaccare tutto e tutti”.
Quali sono le cose non vere che avrei scritto? Caro Franco, tu dici che bisogna essere precisi quando si lanciano accuse, vorrei lo fossi anche tu.
Chiunque mi conosce da vicino sa che sarei TOTALMENTE contrario a un’eventuale candidatura di Patrizio Oliva alla presidenza della Federazione Pugilistica Italiana. Lo sa anche Patrizio a cui l’ho ripetuto in più di un’occasione nel caso in cui gli fosse venuta questa idea.

patrizio

“Può farlo l’appassionato che spesso giudica di pancia ma non chi vorrebbe guidare il nostro pugilato per il prossimo quadriennio attaccando in maniera scomposta. Non mi ricordo che avessero fatto la stessa cacciara a Seul 1988 per il furto a Vincenzo Nardiello e i sistemi dittatoriali dell’allora ricchissimo segretario generale dell’AIBA. In quegli anni correvano soldi veri per alcuni giudici”.
Non avrei fatto la stessa caciara (termine dialettale romano che può essere tradotto in italiano con chiasso, si scrive con una sola c: non avventurarsi mai su terreni che non si conoscono) per Nardiello a Seul? Allego tre delle paginate scritte per il Corriere dello Sport su quello scandalo. Un argomento al quale ho anche dedicato un intero capitolo (I festini proibiti e l’oro rubato, da pagina 60) dell’ultimo libro: I miei Giochi, uscito solo pochi mesi fa.

1

2

3
“Se non ci fossero i centri sportivi militari l’ottanta per cento del nostro sport sarebbe in crisi. C’è troppa disinformazione in proposito e voglia di ignorarla questa realtà in chi vuole salire sul carro federale. Non è roba per me. Sarò inflessibile nel tagliare certe “amicizie”.
I centri sportivi militari sostengono il nostro sport? Mi alzo in piedi e applaudo per la grande scoperta di Franco. Se ne avete voglia leggete, magari di corsa, quello che ho scritto il 14 giugno 2015 sul mio blog (https://dartortorromeo.com/2015/06/14/lo-sport-italiano-e-nelle-mani-dei-gruppi-militari/).

4

Disinformazione e voglia di ignorare?
Caro Franco, per questa tua serena autocritica ho pensato di farti un regalo.
Non perdere tempo a tagliare certe “amicizie”.
Ho già provveduto io.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s