Settembre di boxe su mola.tv, il 24 in diretta Magnesi vs Cacace

Annunciato il programma pugilistico di settembre su mola.tv. Ricordo che è una tv in streaming con accesso gratuito, basta la registrazione sul sito. Durante tutti gli eventi gli appassionati potranno dialogare in diretta con i telecronisti, fare domande ed eprimere opinioni attraverso il box nelle storie di Instagram.3 (dalle 20:00)Dalla Echo Arena di Liverpool (Inghilterra). Liam Smith (31-3-1, 18 ko) vs Hassan Mwakinyo (20-2-0, 14 ko), superwelter 12 riprese. Nella stessa serata Natasha Jonas (11-2-1, 8 ko) vs Patricia Berghult (15-0, 3 ko) per il titolo WBO/WBC dei superwelter.Telecronista Andrea Di Giacomo, commento tecnico Andrea Scarpa.10 (dalle 20:30)Dalla 02 Arena … Continua a leggere Settembre di boxe su mola.tv, il 24 in diretta Magnesi vs Cacace

Carnera, novant’anni fa. Il mistero si nasconde sugli spalti

Forse il compito di chi ama gli uomini è di far ridere della verità, perché l’unica verità è imparare a liberarci dalla passione insana per la verità.(Umberto Eco) Un giovedì di novant’anni fa.Anthony parte da Hoboken con grande anticipo. Lo stadio dista solo quattro miglia da casa, ma sa che ci sarà il pieno stasera al Playgrunds Stadium di West New York e non vuole arrivare tardi.Anthony ci ha provato, ha addirittura cambiato nome per essere un pugile professionista. È un emigrante, viene da Catania. Per gli americani gli italiani sul ring hanno una cattiva reputazione. Così è diventato Marty … Continua a leggere Carnera, novant’anni fa. Il mistero si nasconde sugli spalti

Signani: Sacrificio e dolore. Così l’uomo diventa pugile, poi c’è la gloria…

Venerdì 24 giugno, a Massy in Francia, Matteo Signani (31-5-3, 11 ko) sosterrà una difesa volontaria dell’europeo dei pesi medi contro Anderson Prestot (24-2-0, 13 ko). Intervistare Matteo è sempre piacevole. Non dà mai risposte banali. In ogni parola che dice, avverti emozione e passione. È uno che per arrivare sulla vetta d’Europa ha percorso un lungo viaggio, fatto di fatica e sofferenza. Ce l’ha fatta. E ora si ripresenta sul ring per tentare l’ennesima impresa. Qualcuno vuole toglierli quello che ha conquistato con grande determinazione. Ricordo le sue parole dopo la conquista del titolo. “In questa vittoria c’è tutta … Continua a leggere Signani: Sacrificio e dolore. Così l’uomo diventa pugile, poi c’è la gloria…

Drammatico a Londra, pugile ko. È la quinta volta negli ultimi sei match

Un ko devastante, non certo una sorpresa.Così si è chiuso il match tra Viddal Riley (nella foto) e Jone Valau. Il tutto nello spazio di  51 secondi.Un attacco portato in modo imbarazzante da Valau, il sinistro lungo, lo sguardo perso nel vuoto. Completamente scoperto, esposto in modo molto pericoloso a qualsiasi colpo di Riley, che ha deciso per un gancio sinistro alla mascella. Un pugno che ha mandato al tappeto il rivale, decretandone il knock out.Paura sul ring, i medici saltano su, sembra sia necessaria la maschera d’ossigeno. Valau è a terra. Attimi in cui passano per la testa i … Continua a leggere Drammatico a Londra, pugile ko. È la quinta volta negli ultimi sei match

In diretta da Londra, Kongo vince nettamente contro Formella

Tolti i trenta secondi finali, è stato un match decisamente poco spettacolare.L’ha vinto nettamente Chris Kongo. Ha pressato, ha piazzato colpi isolati (da ricordare un diretto destro nel quinto round, un montante portato sempre con la stessa mano nel sesto). Sebastian Formella, tedesco di 35 anni, ha provato a resistere. C’è riuscito, ma non ha mai preso per sé un attimo del combattimento. Nel finale l’intero gusto delle dieci riprese. Kongo ha deciso finalmente di portare le serie, di non limitarsi a un colpo e basta. Il titolo silver WBC dei welter l’ha portato a casa lui. RISULTATI – Piuma … Continua a leggere In diretta da Londra, Kongo vince nettamente contro Formella

Elezioni EBU, scoppia il caso! La Federazione italiana farà ricorso

Nell’intervista fatta a Peter Stucki, nuovo presidente dell’European Boxing Union, c’era una domanda che riguardava direttamente il pugilato italiano.“Corrisponde al vero la notizia, che gira negli ambienti pugilistici italiani, secondo cui prima delle elezioni la candidatura da parte della FPI di Salvatore Cherchi sia stata giudicata non appropriata dal Consiglio, essendo il candidato giudicato ineleggibile a causa di un conflitto di interessi?”La risposta è stata stringata, ma precisa.“Sulla base dei fatti, queste notizie sono vere”.L’Italia è dunque fuori, per la seconda volta dalla fondazione dell’EBU, dal Board. È una situazione fin troppo grave per non essere approfondita. Ne ho parlato con … Continua a leggere Elezioni EBU, scoppia il caso! La Federazione italiana farà ricorso

Ali, la botta arriva la mattina di sei anni fa. La farfalla è volata via…

“La morte, in sè stessa, non esiste. Cancella forse quello che un uomo ha fatto in vita? No. Annulla i suoi meriti, la memoria? No. E allora, morte, ma chi sei? Ma chi ti conosce? Cosa conti? Tu non conti niente. Eh, tu vorresti essere importante, presa in considerazione come la vita. La vita dura una vita, cara mia. Invece tu, morte, tu duri solo un momento, l’istante in cui ti presenti” (Marcello Mastroianni) Sei anni fa se ne è andato via per sempre Muhammad Ali, aveva 74 anni. In tanti gli hanno voluto bene, nessuno l’ha dimenticato. Ogni giorno … Continua a leggere Ali, la botta arriva la mattina di sei anni fa. La farfalla è volata via…

Istancabile Commey, insegue un doppio sogno. I Giochi e il professionismo

Alfred Cromwell Commey ha vent’anni e viene dall’Emilia, è cresciuto a Cadelbosco in provincia di Reggio. Papà del Ghana, mamma italiana. E una grande passione per lo sport. Il basket, ma soprattutto la boxe. L’ha scelta per amore e ha lottato, come tanti ragazzi, per praticarla. I genitori non erano molto d’accordo, avevano così messo una condizione. Avrebbero dato il loro consenso solo se lo studio fosse stato un motivo per cui rallegrarsi. Così è stato.Ora Alfred è un pugile e vuole costruire su questo il suo futuro, farlo diventare un lavoro a tempo pieno. Sogna in grande, l’Olimpiade di … Continua a leggere Istancabile Commey, insegue un doppio sogno. I Giochi e il professionismo

Tsonga, ultimo ballo a Parigi. L’amore, la solitudine, la famiglia e Ali…

Jo-Wilfried Tsonga ha ballato per l’ultima volta sulla terra rossa del Roland Garros. Ha perso in quattro set, tre tie break, contro Carper Ruud numero 8 del mondo. A 37 anni ha detto basta, salutando con il cuore, versando lacrime malinconiche e felici, ringraziando il pubblico per tutto l’amore che ancora una volta i tifosi del tennis hanno saputo dargli. Ha vinto diciotto tornei e incassato 22,5 milioni di dollari. È stato un giocatore di talento, è un personaggio interessante. Tante volte  è stato scritto della sua somiglianza con Muhammad Ali. Negli US Open del 2016 gli ha reso omaggio … Continua a leggere Tsonga, ultimo ballo a Parigi. L’amore, la solitudine, la famiglia e Ali…

Mondiali donne. Troppo forte Ferreira per una generosa Mesiano

Beatriz Iasmin Ferreira è più forte di Alessia Mesiano (a sinistra nella foto), probabilmente avrebbe vinto qualsiasi tattica l’azzurra di Latina avesse adottato. Ma andare a cercare la brasiliana non mi è sembrata la migliore delle scelte. Non solo accettare la corta distanza, ma addirittura proporla come unica tattica di combattimento. Una strada che conduceva verso la peggiore conclusione possibile. Un dominio netto, imbarazzante, vistoso nel punteggio e nella dinamica dello svolgimento del match da parte della Ferreira.Alessia (contata dopo un preciso gancio sinistro nella seconda ripresa) si è consegnata. È entrata nel giardino di casa di Beatriz, lì dove … Continua a leggere Mondiali donne. Troppo forte Ferreira per una generosa Mesiano