Ligas attacca e offende Oliva e la mia professionalità. Quando si straparla…

Sul suo profilo Facebook, e in risposta a un articolo pubblicato su boxeringweb e dartortorromeo.com e poi ripreso su FB, il giornalista ed ex amico Franco Ligas lancia pesanti accuse contro Patrizio Oliva e la mia professionalità. Non ho mai risposto ai continui attacchi di Franco (tranquillo, non sono fra quelli che quando sono in disaccordo con qualcuno che conoscono da anni lo chiamano per cognome e gli danno del lei), non ho risposto perché sono fedele a una corrente di pensiero.
:”Non condivido le tue idee ma mi batterò fino alla morte affinchè tu possa esprimerle“. Attribuiscono questa frase a … Continua a leggere Ligas attacca e offende Oliva e la mia professionalità. Quando si straparla…

Oliva: Vi racconto chi mi ha entusiasmato a Rio 2016. E chi mi ha deluso…

Patrizio Oliva, chi è il pugile che ti ha più impressionato ai Giochi di Rio 2016? “Ramirez, oro nei gallo. Avrei dato a lui la Coppa Val Barker. È completo, si adatta a qualsiasi situazione. Boxa bene dalla corta distanza, aumenta di ritmo con il passare delle riprese. Sa sfruttare la grande tecnica, ma se è il caso sa anche fare a botte. È pronto per il professionismo”. Non condividi dunque la decisione dell’Aiba che ha assegnato il premio di miglior pugile a Hasanbay Dusmatov? “ Il minimosca è un ottimo pugile. Completo anche lui, veloce, gran gioco di gambe. … Continua a leggere Oliva: Vi racconto chi mi ha entusiasmato a Rio 2016. E chi mi ha deluso…

Con Mani di Pietra continua il rapporto boxe/cinema. Dal ’31 a oggi, una lunga storia da Oscar…

È uscito Hands of Stone (Manos de Piedra, mani di pietra), il libro che racconta la vita di Roberto Duran, il mitico panamense campione del mondo in quattro differenti categorie di peso, dai leggeri ai medi ( se ne avete voglia, cliccate su questo link https://dartortorromeo.com/2014/09/25/a-casa-di-mani-di-pietra-duran/, dentro c’è la storia di quella volta che sono andato a trovarlo nella sua casa di Miami…). Il protagonista del film è l’attore Edgar Ramirez, interpreta il campione. Ma il personaggio più importante per il grande pubblico è Robert De Niro, qui nella parte di Ray Arcel: l’allenatore. Poi ci sono Ania de Amas … Continua a leggere Con Mani di Pietra continua il rapporto boxe/cinema. Dal ’31 a oggi, una lunga storia da Oscar…

L’Aiba cambia ancora. Donne: niente casco e più categorie, uomini: 5 round. E sui verdetti di Rio…

Intervista del giornalista Greg Beacham dell’Associated Press a Ching-Kuo Wu, presidente dell’Aiba. Il dirigente fissa alcuni punti fermi. In nero i punti fermi di Wu, in corsivo le mie riflessioni. A Tokyo 2020 vedremo molto probabilmente gli uomini impegnati in match da cinque round di tre minuti. (prima cinque giudici e cartellini con il sistema dei 20 punti, poi le macchinette, poi tre giudici su cinque per il verdetto, poi cartellini a punteggio ma con il sistema da 10, ora cinque round e cinque giudici. fermatevi, voglio scendere) Gli uomini combatteranno senza maglietta. (cade anche l’ultimo ricordo del dilettantismo, deve … Continua a leggere L’Aiba cambia ancora. Donne: niente casco e più categorie, uomini: 5 round. E sui verdetti di Rio…

Passione, coraggio, talento, violenza. La boxe è tutto questo. E Bundu ce l’ha ricordato

Mi sono sempre fidato di Bundu professionista, ho sempre saputo che si sarebbe battuto al meglio. Non ha mai tradito. È andata così anche stavolta. Mi concedo questo articolo di riflessioni dopo avere scritto a caldo le mie impressioni sulla sconfitta di Leo contro Errol Spence jr. Quando sul ring c’è un pugile a cui vuoi bene giudichi il match passando al setaccio le emozioni che ti lascia. E allora ve le racconto senza pudori. Avevo paura prima che l’incontro cominciasse. Avevo paura perché conoscevo la forza di Errol Spence jr. Uno spietato esecutore, pugilisticamene parlando. Una faccia che non … Continua a leggere Passione, coraggio, talento, violenza. La boxe è tutto questo. E Bundu ce l’ha ricordato

Bundu sta bene. La TAC è ok e lui è stato dimesso dall’ospedale

Una bella notizia. La TAC effettuata da Leonard Bundu nel corso della notte, dopo il ko subito contro Errol Spence jr a Coney Island (New York), ha dato esiti totalmente rassicuranti. Il campione è già uscito dall’ospedale per fare ritorno in albergo. Nel corso della notte Leo aveva voluto rassicurare, traimite il suo profilo Facebook, tutte le persone che gli vogliono bene. Continua a leggere Bundu sta bene. La TAC è ok e lui è stato dimesso dall’ospedale

Bundu rassicura: “Sto bene”. Non ci sono sintomi neurologici preoccupanti. TAC precauzionale

Qualche timore alla fine del match di Leonard Bundu contro Errol Spence jr. Rialzatosi dal knock out subito nel sesto round, Leo non era stabile sulle gambe. È stato visitato dal medico di riunione che ha riscontrato i segnali di una commozione cerebrale, ma ha anche aggiunto che non c’era alcun sintomo neurologico che facesse temere danni di qualsiasi genere. Bundu ha rassicurato tutti: “Sto bene“. Per precauzione il medico gli ha ordinato di recarsi in ospedale dove dovrà effettuare una TAC. Nel caso, come si pensa, l’esame dia effetti negativi Leo sarà immediatamente dimesso. Il medico gli ha ovviamente … Continua a leggere Bundu rassicura: “Sto bene”. Non ci sono sintomi neurologici preoccupanti. TAC precauzionale

Troppo forte Spence, un bravo Bundu finisce knock out alla sesta ripresa

Errol Spence jr pratica una boxe rara. Non spreca neppure un pugno e ogni volta che colpisce lascia il segno. Ha una difesa attenta, anticipa e attutisce i pugni scagliati dal rivale attenuandone l’impatto. Imbattuto dopo ventuno incontri, diciotto dei quali vinti prima del limite. Come è accaduto anche contro Leonard Bundu a Coney Island, New York. Leo è stato un guerriero che ha scelto di osare. Ha ribaltato l’impostazione tattica che aveva messo in mostra contro Keith Thurman. Ha provato ad alzare il ritmo fin dal primo gong, ha cercato di non offrire un bersaglio fisso cambiando continuamente guardia, … Continua a leggere Troppo forte Spence, un bravo Bundu finisce knock out alla sesta ripresa

I bookmaker Usa pagano a 101 la vittoria di Bundu su Spence jr. Il video del peso

Ecco il video della cerimonia del peso per la riunione di questa notte (diretta Tv su Sportitalia dalle 23) all’Anfiteatro Ford di Coney Island, Brooklyn, New York. L’evento è imperniato sul match (12 round) tra i welter Spence jr e Bundu, valido per designare lo sfidante ufficiale al titolo Ibf detenuto da Kell Brook. Le immagini si riferiscono al primo peso, effettuato sabato 20 agosto: 66,250 kg per entrambi. Il limite era 66,670. Questa mattina, domenica 21 agosto, alla seconda pesatura: Bundu 69,853; Spence 70,760. Il limite era 71,214.   Di seguito le previsioni dei bookmaker sul match. Il pronostico su … Continua a leggere I bookmaker Usa pagano a 101 la vittoria di Bundu su Spence jr. Il video del peso

Storia di Frank, italiano di Cuba: La lotta è la mia seconda mamma. Voglio regalarvi l’oro

Cafudda! Il Palazzetto dello Sport di Totowa, New Jersey, era pieno. C’erano tanti italiani. Emigranti di seconda e terza generazione. Parlavano il dialetto delle loro terre, l’inglese era storpiato fino a diventare una lingua mista di difficile comprensione. Sul ring Maurizio Stecca contro un certo Ricky West di Lorain, Ohio. Era il 2 aprile dell’86. Dovevo raccontare quei giorni americani di Icio e di Francesco Damiani, da poco meno di due anni medagliati olimpici a Los Angeles. Con me c’erano Pasquale ed Elio, colleghi, ma soprattutto grandi amici. Un vociare continuo. I colpi di Stecca tormentavano West, la gente attorno … Continua a leggere Storia di Frank, italiano di Cuba: La lotta è la mia seconda mamma. Voglio regalarvi l’oro