Scandalo Russia, la Wada accusa: Doping di Stato. E chiede l’esclusione dai Giochi

La Wada (World Anti-Doping Agency) ha presentato oggi a Ginevra un rapporto, 323 pagine scritte dopo un’indagine di undici mesi, destinato a sconvolgere il mondo dello sport. Nel rapporto la Wada dichiara la Federazione russa di atletica leggera “non conforme” con il codice antidoping mondiale e chiede alla IAAF (federazione mondiale di atletica) di sospenderla con decorrenza immediata. Chiede inoltre di escludere la Russia da tutte le gare, Olimpiade di Rio de Janeiro 2016 compresa. La commissione presieduta da Dick Pound descrive quello che ha scoperto come “un doping supportato dallo Stato“. La Wada ha suggerito di togliere al laboratorio … Continua a leggere Scandalo Russia, la Wada accusa: Doping di Stato. E chiede l’esclusione dai Giochi

Il 7 novembre di quarantacinque anni fa Monzon metteva ko i sogni degli italiani

Il 2 luglio del 1970 l’annuncio ufficiale. Il mondiale dei pesi medi si sarebbe svolto al Palazzo dello Sport di Roma il 7 novembre di quello stesso anno. Allo sfidante, che era numero 9 del Wbc (all’epoca non aveva classifiche proprie, ma si rifaceva a quelle della rivista The Ring) e numero 6 della Wba, sarebbe andata una borsa di 16.000 dollari. Un mese di allenamento al Luna Park di Buenos Aires, due settimane a Roma. Monzon era arrivato in Italia scortato da un piccolo clan e solo grazie all’aiuto di amici argentini che avevano anticipato, grazie a una colletta, … Continua a leggere Il 7 novembre di quarantacinque anni fa Monzon metteva ko i sogni degli italiani

Tyson Fury scommette 280.000 euro su se stesso e dice di essere il nuovo Ali…

Fatico a credere sia vero. Ho letto sul Lancashire Evening Post che Tyson Fury avrebbe scommesso 200.000 sterline (più o meno 280.000 euro) sulla sua vittoria contro Wladimir Klitsckho nel mondiale massimi in programma il 28 novembre a Dusseldorf. La scommessa sarebbe stata fatta con un parente ricco che, nel caso in cui Fury riuscisse a faccela, pagherebbe due volte la posta cioè 400.000 sterline (560.000 euro). Non è la prima sparata che Tyson Fury fa in avvicinamento al match. Ha detto di essere Batman, l’uomo che punirà l’arrogante campione. Poi ha detto di essere il Muhammad Ali di oggi. … Continua a leggere Tyson Fury scommette 280.000 euro su se stesso e dice di essere il nuovo Ali…

Falcinelli: “Dopo l’Olimpiade c’è il professionismo. Non siamo mica un Paese dell’Est”. Era il 1988…

Sto sfogliando il mio archivio, mi servono alcuni dati per un libro che sto scrivendo per la prossima stagione. Guardo alcune pagine del Corriere dello Sport del 1988 e mi imbatto in un articolo sulla conquista del titolo olimpico di Giovanni Parisi ai Giochi coreani. Leggo di corsa, poi mi blocco. Riassumo velocemente. È il 4 ottobre 1988, sono a pranzo in un ristorante italiano a Seul. Al tavolo con me ci sono Giovanni Parisi con la medaglia d’oro al collo, i compagni d’avventura Magi e Mastrodonato, il maestro Franco Falcinelli, Teo Betti amico e collega del Messaggero. Chiedo a … Continua a leggere Falcinelli: “Dopo l’Olimpiade c’è il professionismo. Non siamo mica un Paese dell’Est”. Era il 1988…

Nicolino Locche, l’intoccabile. La difesa con lui diventava un’arte meravigliosa…

Il radar umano. Intercettava i pugni degli avversari prima che potessero sfiorarlo. Nicolino Locche el intocable, l’intoccabile. Spegneva sul nascere il fuoco nemico. Detestava prendere colpi, li evitava con spostamenti millimetrici del corpo, li deviava con abili e incredibili movimenti delle braccia. L’artista della schivata e del gioco di gambe. Un ballerino capace di disegnare spettacolari movimenti e le figure di un tanghero. Il ring, con lui, diventava un’arena. Una plaza de toros: Nicolino il matador ispirato che umiliava il toro. «Olé, olé». Il pubblico in visibilio, donne, uomini, giovani. La gioia prendeva il sopravvento sul dramma della boxe. Distruggeva … Continua a leggere Nicolino Locche, l’intoccabile. La difesa con lui diventava un’arte meravigliosa…

Arum accetta di riportare Margarito sul ring, a me sembra un’idea molto pericolosa…

Antonio Margarito non combatte dal 3 dicembre 2011. Un disastroso divorzio, sia dal punto di vista economico che sentimentale, e un’allegra gestione delle risorse sembra l’abbiano convinto a riprovarci. Se ne parla da questa estate, ma ora anche Bob Arum è entrato concretamente in pista e vorrebbe riproporlo in un paio di match per la televisione in lingua spagnola UniMas, prima di vedere se sarà il caso di rilanciarlo in grande stile. “L’ho fatto visitare da uno specialista: l’occhio è a posto. L’ho visto allenarsi in palestra, sta benissimo. L’unico problema è che chiede una borsa spropositata, se raggiungeremo un … Continua a leggere Arum accetta di riportare Margarito sul ring, a me sembra un’idea molto pericolosa…