Braccio di Ferro esiste e vive nel Minnesota

Braccio di Ferro esiste ed è un campione nel suo sport. Si chiama Jeff Dabe, ha 52 anni ed è sposato con Gina. Viene da Stacy, un paesone di millecinquecento abitanti nel Minnesota. Fino a qualche anno fa la gloria locale era Jessica Dereschuk, vincitrice del concorso di bellezza dello Stato nel 2004 e finalista…

Luca Sacchi, il principe dei commentatori tecnici della Tv

Un fuoriclasse. Luca Sacchi mi è sempre stato simpatico. Quando scrivevamo per lo stesso giornale ci divertivamo un mondo a lavorare. Ricordo una memorabile edizione degli Europei di nuoto a Istanbul nel ‘99. Abbiamo picchiato duro sulla concorrenza, ma non ci siamo mai sentiti stanchi. Detto questo per onestà, mi sembrava giusto avvertire chi legge,…

Calcio, follie estive. Colpi proibiti tra Messi e Yanga-Mbiwa

Continuano a chiamarle amichevoli, anche se sempre più spesso le etichettano con il nome di qualche strano trofeo. Ma di amichevole hanno davvero poco. Si picchiano sugli spalti e fuori dallo stadio. Stavolta i protagonisti del brutto episodio non sono tifosi violenti, ma due giocatori. Uno è il famoso Lionel Messi, l’altro Yanga-Mbiwa. Il romanista…

Ci siamo, le squadre inglesi mettono al bando i giornalisti!

Il colpo è stato tirato, ma finora la reazione non c’è stata. Lo Swindon Town, squadra inglese di League One (il terzo campionato britannico, per ordine di importanza) ha messo al bando quasi tutta la stampa. Da ora in poi niente più interviste a giocatori o allenatore. Né nel dopo partita, né a metà settimana….

Pellegrini, un’altra magia. Come lei non c’è nessuna…

Per uno strano scherzo del destino ho visto da Montreal la sesta medaglia mondiale di Federica Pellegrini sui 200 sl. Proprio qui in Quebec aveva conquistato la prima, in un’edizione in cui Filippo Magnini centrava l’oro. Dieci anni tra le migliori del mondo, nel nuoto non è solo una rarità. È una cosa unica. È…

Storia tragica e felice di Nino Castellini, il guerriero di Palermo

Aveva i capelli folti e mossi, di un colore corvino da buon mediterraneo. Occhi marroni, baffoni spioventi. Non potevi non riconoscerlo al primo sguardo. E poi c’era quel sorriso disarmante, una linea d’amore che addolciva il corpo massiccio, muscoloso, pieno di voglia di vivere. Antonio, ma da sempre tutti lo chiamavano Nino, era nato nell’aprile…