Lacrime e sangue, sono la pena per chi fa arrabbiare Ronda

4ad1fde39411b7e49c1cedcfc352f5cc_crop_north

Avete mai fatto caso che a volte s’incrocia qualcuno che non va fatto incazzare? Bene, quello sono io

(Clint Eastwood, Gran Torino)

Negli sport da combattimento è sempre meglio parlare dopo.

La brasiliana Bethe Correja, imbattuta dopo nove match, ha sfidato in casa Rounda Rousey: la Diva dell’UFC (Ultimate Fighting Championship), dodici incontri altrettante vittorie. Nove per sottomissione e tre per knock out.

Alla vigilia del match, che si è disputato a Rio de Janeiro, la brasiliana ha detto delle cose poco carine sul papà della Rousey, ignorando forse l’intera storia.

Da piccola Ronda faticava a parlare. Le sue sorelle più grandi erano state tutte molto più veloci di lei. Ma Ron, il papà, non si preoccupava.

È una dormigliona, quando si sveglierà vincere le Olimpiadi e diventerà famosa.”

Così ogni mattina alle 3 la svegliava e la portava a nuotare. Non era proprio una meraviglia per la piccola, anche perché all’epoca vivevano a Jameson in Nord Dakota dove la temperatura d’inverno scende sotto i 50°!

Ma questo fare sport assieme aveva legato un legame profondo tra Ron e Ronda. Andavano spesso a divertirsi sulla neve, fino a quando un maledetto inverno la slitta del papà non si è capovolta e la schiena è andata in pezzi. Ricovero d’urgenza in elicottero nel più vicino ospedale, recupero lento e difficile, reso ancora più complicato da una rara malattia come la sindrome Bernard Soulier. I medici non avevano nascosto la verità. A Ron restavano al massimo due anni di vita.

Non aveva resistito. Aveva guidato fino al laghetto dove nei giorni di primavera si divertiva con Ronda, aveva inserito il tubo a copertura dello scarico dei gas del motore, aveva messo in moto la macchina e se ne era andato in silenzio. Per sempre.

Bethe Correja ha esagerato e alle operazioni di peso ha continuato a interpretare il suo ruolo di fighter aggressiva, urlando in faccia a Ronda: “Non piangere“.

Il match è stato velocissimo. Trentaquattro secondi ed era già tutto finito.

Dai, non piangere” detto nell’intervista subito dopo la vittoria la Rousey a Behte che era al suo fianco, ferita, sanguinante, gonfia.

Ronda Rousey la regina della MMA è una star assoluta, felice e sempre più ricca. Ma non fatela innervosire, in fondo Clint Eastwood ha detto quello che lei pensa ogni giorno…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s