Bolt calciatore chiede quattro mesi per essere al livello della Serie A

Usain Bolt ha esordito nel calcio.
L’ha fatto con la maglietta numero 95 dei Marines, giocando come esterno sinistro d’attacco nell’amichevole contro la squadra dilettantistica del Gasford, nella zona a nord di Sydney.

I numeri dicono:
22 minuti giocati
9 tocchi
1 passaggio completato
0 assist
0 tiri nello specchio della porta
1 tiro verso la porta
22 cameramen al lavoro per seguire ogni movimento di Bolt
10.000 spettatori
10 televisioni collegate (CNN compresa)

Per ora Bolt calciatore è più un’operazione mediatica/commerciale che la potenziale scoperta di un talento.
Lui ci prova con impegno.
Borussia Dortmund e Stromsgodset non gli hanno concesso alcuna possibilità.
La squadra australiana dei Marines gli ha aperto le porte. Il campionato della Lega A prenderà il via il 21 ottobre, da quello che si è visto in campo lo sprinter è molto lontano dal livello di prestazioni che si richiedeno a un calciatore professionista.

“Non è ancora in forma, ha bisogno di tempo” ha detto l’allenatore Mike Mulvey.
“Mi servono altri quattro mesi di allenamenti specifici per essere al livello dei miei compagni” ha detto il campione.

Otto medaglie olimpiche, il più grande velocista della storia, l’uomo imbattibile della velocità mondiale. Queste sono certezze, il resto, per ora, sono solo sogni.
Usain Bolt, con pizzetto, guanti neri e un accenno di pancetta, è pronto a inseguirli.

Advertisements