Tyson Fury, un po’ in carne, tra Antidoping e solite stranezze…

È stata la Hennessy Sports, la società di Mike Hennessy che gestisce l’ex campione del mondo dei massimi, ad annunciare la convocazione di Tyson Fury da parte del National Anti-Doping Control britannico per dicembre 2017.
Il prossimo mese dovrebbe dunque arrivare a una conclusione il processo messo in piedi dall’Agenzia contro il pugile che nel 2016 è stato trovato positivo a una sostanza proibita in occasione di un controllo antidoping a sorpresa.
La vertenza si è trascinata lentamente.
“Contrariamente a quanto affermato dal BBBC (British Boxing Board of Control) il rinvio non è stato causato dal Team Fury” ha affermato la Hennessy Sports in risposta a una dichiarazione di Robert Smith, segretario generale della federazione britannica.
Per mostrare pubblicamente la soddisfazione per una tappa che potrebbe portarlo più vicino a un rientro previsto per aprile 2018, Tyson Fury si è fatto fotografare in palestra assieme a Ricky Hatton che ha poi postato quell’immagine sul suo profilo Twitter.
Beh, vista la foto, restano intatti i miei dubbi su un suo rientro sul ring…

Advertisements