Tra Mouhiidine e la finale, la boxe sporca e brutale di Manasyan

Si chiama Narek Manasyan, è armeno. Viene da Yeveran, dove è nato il 17 aprile 1996. Il suo è un pugilato fatto di continua pressione, tre minuti pieni a round. Vive ogni secondo del match cercando di mettere in atto una boxe sporca e brutale, fatta di attacchi con la testa in avanti, clinch che si susseguono uno dietro l’altro. Abbraccia e tenta di piazzare qualche gancio. Crea problemi, ti sta sempre addosso. Scrollarlo via è un problema serio.
Emmanuel Reyes, numero 3 della classifica mondiale ieri ci ha provato. In parte c’è riuscito, ma l’armeno, con l’aiuto dell’arbitro dello Zimbabwe, ha portato a termine il suo piano. Lui legava sempre e comunque. Il signor Steven Masiyambumbi ha richiamato ufficialmente lo spagnolo per trattenute. C’era un conto in sospeso. Agli Europei di Yeveran, davanti alla sua gente, Manasyan era stato sconfitto da Reyes. Non aveva accettato il verdetto ed era rimasto sul ring in segno di protesta. Il giorno dopo, il presidente dell’IBA, Umar Kremlev, gli aveva dato ragione.
Ieri ha vinto, ha passato il turno. Quattro cartellini per lui, avanti di un punto. Il quinto segnava il pari. Domani sarà l’avversario di Aziz Abbes Mouhiidine. I due si sono già affrontati ai Mondiali di Belgrado, il 26 ottobre 2021 (nella foto sopra, il momento del verdetto).
Questo il mio resoconto di quel giorno…

Un match di un’imbarazzante bruttezza. Un clinch continuo lungo tre round. E nulla più. L’unico momento positivo della serata arriva alla fine, quando l’arbitro statunitense alza il braccio di Aziz Abbes Mouhiidine.
L’armeno Narek Manasyan sembrava un novellino calato in uno scenario a cui non apparteneva. Doveva a tutti i costi impedire che sul ring ci fosse un briciolo di pugilato. 
C’è riuscito. 
Mouhiidine non ce l’ha fatta a impedirglielo, ha accettato di subire quella boxe sporca, fatta di trattenute, guantoni strusciati sulla faccia, colpi sulla nuca, lunghi momenti senza la possibilità di tirare un solo colpo.
L’azzurro non ha mai provato a fare una boxe diversa. L’altro gli veniva addosso e lui lo accompagnava in un giro di danza. Un balletto brutto, senza un minimo di richiamo all’arte pugilistica. 
Colpi? 
Pugni? 
Meglio evitare. Pochi, pochissimi. Nel primo round ne ha messi più a segno l’armeno, negli altri due ne ha piazzato qualcuno in più l’azzurro. Alla fine risultato giusto. Bene il passaggio del turno. Meno bene, davvero meno bene, tutto il resto.

Domani si replica.
Reyes è cascato nella trappola. Il peso massimo azzurro ha le armi per evitarla. È decisamente più bravo di Manasyan, più forte fisicamente, di un altro livello sul piano tecnico. Non dovrebbe assecondare l’armeno, non dovrebbe accettare lo scontro continuo testa a testa. È la sola speranza che Manasyan ha per portare a casa un risultato positivo. Il talento di Aziz Abbes Mouhiidine merita la finale. 
Ci sono almeno 100.000 dollari in palio, ma c’è soprattutto il prestigio di giocarsi l’oro per la seconda volta consecutiva in un Mondiale. Non si pretende di vedere la grande bellezza, ma credo sia lecito pensare che sarebbe giusto chiudere la sfida con un successo senza ansia eccessiva. Nessuna concessione alla boxe senza luce dell’avversario. 

RISULTATI
10 MAGGIO
Quarti.
(92 kg) Mouhiidine b Bultaev (TJK) p. 3 (5-0; 30-27, 30-27, 30-27, 30-27, 30-27))
9 MAGGIO
Ottavi.
(75 kg).
Akilov (Ung) b Cavallaro p. 3 (5-0; 30-27, 29-28, 30-27, 29-28, 30-27)
8 MAGGIO
Ottavi.
(92 kg) 
Mouhiidine b Castillo Torres Ecu) p. 3 (4-1, 28-29, 30-27, 29-28, 29-28, 30-27).
7 MAGGIO
Sedicesimi. 
(75 kg)Cavallaro b Kazimzade (Aze) kot 2 dopo 2:44.
5 MAGGIO
Sedicesimi. 
(57 kg.)
Barreras (Mex) b Baldassi p. 3
Sedicesimi
(92 Kg)
Mouhiidine b Oralbay (Kaz) p. 3 (4-0; 29-28, 30-27, 30-27, 30-27, 28-28)
4 MAGGIO
Trentaduesimi. 
(51 Kg)
Makhmetov (Brn) b Camiolo split decision, p. 3
Sedicesimi
(+92 Kg)
Arzola Lopez (Cuba) b Lenzi p. 3 (30-27, 30-27, 30-27, 30-26, 29-28).
3 MAGGIO
Sedicesimi. 
(60 kg)
Hamout (Mar) b Iozia split decision 3.
1 MAGGIO
Trentaduesimi
(57 kg)
Baldassi b Labidi (Fra) p. 3 (29-27, 27-29, 26-30, 28-28, 29-27. 4-3 dopo l’intervento della commissione di revisione) 
Trentaduesimi.
(60 kg)
Iozia b Tuniyev (Blr) p. 3 (4-1. 29-28, 28-29, 29-28, 29-28, 29-28)

PROGRAMMA
12
Semifinale.
(92 kg)
Mouhiidine vs Manasyan (Arm) 

TELEVISIONE 
Per vedere i match, collegamento streaming sul sito ufficiale dell’IBA (iba.sport).

L’ITALIA
51 kg
Alessio Camiolo (Fiamme Oro)
57 kg
Michele Baldassi (Fiamme Azzurre)
60 kg
Francesco Iozia (Eagle)
75 kg
Salvatore Cavallaro (Fiamme Oro) 
92 kg
Aziz Abbes Mouhiidine (Fiamme Oro)
+ 92 
Diego Lenzi (Alto Reno)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...