Boschiero fa qualche errore di troppo, ma domina l’imbattuto Tomas

Ha fatto cose buone Devis Boschiero. Aggressivo, capace di fare pressione per tutte le riprese, pugni pesanti e ritmo alto.
Ma ha commesso anche errori evidenti. Ha sempre cercato i colpi al volto, ignorando quei ganci o montanti alla figura che avrebbero potuto togliere mobilità allo spagnolo. Ha portato poche volte le serie. Ha cercato costantemente il colpo duro e questo lo ha fatto andare più volte fuori misura.
Ivan Tomas è un catalano che ha disputato tutti e dieci i match nella sua città, a Barcellona, vincendo nove volte e pareggiando l’ultimo valido per il titolo italiano contro Frank Uzquiaga. Stasera ha scoperto che la vita diventa difficile quando esci di casa. Un ematoma sotto l’occhio destro nel primo round, una ferita appena al limite interno dell’arcata sopracciliare sinistra nel secondo, una terza nell’ottavo ancora sull’arcata sopracciliare destra che ha convinto l’arbitro a sospendere l’incontro. Un match in sofferenza, pedalando all’indietro e portando solo raramente il suo sinistro lungo.
Boschiero ha boxato in modo affannoso, con l’incubo che un minimo calo potesse aprire le porte al rivale. Così facendo a volte si è irrigidito e ha faticato tanto per portare a casa poco.
Ha comunque vinto chiaramente, nettamente. Mai il risultato è stato in discussione. Ma quando e se il livello si alzerà, gli errori di questa sera potrebbero essere pagati con moneta pregiata. Devi limare la sua irruenza, cercare di variare la ricerca del bersaglio, prendersi un attimo di pausa per non sprecare energie.
Un match intenso, a tratti vibrante. Anche questo di buon livello spettacolare. E con un settimo round da applausi per Devis Boschiero che ha chiuso alle corde Tomas e ha finalmente messo a segno un paio di ganci al volto e uno al corpo. Trentotto anni e non sentirli, deve essere bello. Anche se non c’è più la velocità di un tempo, se manca la precisione di una volta. Tutto vero, ma signori andare ancora mille non è da tutti, neppure da chi di anni ne ha molti di meno.

A FIRENZEWelter: Sebastian Mendizabal (Spagna, 4-0, 1 ko, 65,900 kg) b Ornam Racso Romero Camacho (Perù, 3-2-0, 2 ko, 66,300) ko 3; piuma: Jordan Gill (Gran Bretagna, 23-1-0, 7 ko, 58,700) vs Yesner Talavera (Nicaragua, 15-9-1, 4 ko, 60,450); piuma: Carmine Tommasone (Italia, 20-1-0, 5 ko, 58,500) b Brayan Mairena (Nicaragua, 10-14-1, 4 ko, 58,300) p. 6; mosca: Mohammed Obbadi (Marocco, 20-1-0, 13 ko, 53,100) b Cristian Narvaez (Nicaragua, 15-17-5, 1 ko, 52,700) p. 8; welter: Dario Morello (Italia, 15-0, 2 ko, 66,300) vs Luther Clay (Sudafrica, 11-1-0, 5 ko, 66,300); superpiuma (Intercontinentale IBF) Devis Boschiero (Italia, 48-6-2, 22 ko, 58,700) b Ivan Tomas (Spagna, 9-1-1, 3 ko, 58,600) kot 8; superwelter (Internazionale IBF) Orlando Fiordigiglio (Italia, 31-2-0, 13 ko, 69,400) vs Sam Eggington (Gran Bretagna, 26-6-0, 15 ko, 69,600).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...