Il sindaco di Sequals: La cintura mondiale di Carnera rischia di finire all’estero

Riceviamo e pubblichiamo l’appello di Enrico Odorico, sindaco di Sequals, rivolto alle Istituzioni
e alle Associazioni Sportive: non facciamo finire
nelle mani di un collezionista straniero
la cintura mondiale di Primo Carnera.

“L’ampia bibliografia su Primo Carnera ne sottolinea la dimensione pubblica, individuando nel grande pugile una delle icone del Novecento italiano: fenomeno che sapeva entrare in contatto diretto con le masse.

La vita di Carnera è vicenda personale di un uomo che ha attraversato la Vecchia Europa e il Nuovo Mondo alla conquista di un suo spazio per una più meritata dignità di vita che la piccola e la grande Patria non erano in grado di offrirgli. Mantenere vivo il ricordo di Primo Carnera, personaggio molto amato nel quale tanti italiani e stranieri si sono riconosciuti, può e deve divenire un formidabile volano per la promozione di una così grande memoria sportiva ed umana.

Ancora oggi anche fra i non addetti ai lavori, la figura di Primo Carnera ha un potente potere evocativo, capace di attrarre turisti che quasi in un pellegrinaggio laico vogliono visitare i luoghi cari al grande campione.

Ogni anno Sequals ospita il Trofeo Carnera, giunto alla 34.ma edizione, meeting pugilistico che sta conquistando sempre più l’interesse della stampa e del pubblico, avendo ampio riscontro a livello nazionale ed internazionale.

Il centro della manifestazione promuove la nobile arte della boxe e il mito di Primo Carnera, primo pugile italiano a conquistare un titolo mondiale, valorizzando al contempo l’intero territorio e le sue peculiarità.

Come cittadino e sindaco della sua comunità natale di Sequals mi sento onorato e particolarmente legato alla figura di Primo Carnera che, per rapporti familiari, ho personalmente conosciuto ed apprezzato per le grandi doti sportive e umane e che ho anche, alla fine, accompagnato “a spalle” per l’ultimo saluto al suo tanto amato paesino.

Ci ha lasciato tutto e ora che anche i due figli sono deceduti, la sua bella e storica dimora è diventata un vero e proprio museo dove la memoria tangibile del campione è esposta ai tanti visitatori.

L’unico cimelio ancora non trasferito è rappresentato dalla fantastica e inestimabile Cintura di Campione Mondiale dei pesi massimi, di proprietà dell’unico erede, un nipote residente negli Stati Uniti e da me formalmente e legalmente rappresentato. Per diverse motivazioni e necessità, sono stato più volte sollecitato a presentare questo cimelio nelle piazze di Londra o New York al fine di massimizzare il relativo ricavo.

Sino ad oggi ho sempre resistito a tale sollecitazione in quanto non posso minimamente pensare che una memoria così unica e importante per il mondo della boxe e di tutto lo sport del nostro Paese possa finire nelle mani di eventuali collezionisti stranieri.

Nella ferma ricerca di una possibile soluzione abbiamo ottenuto dalla Regione Friuli e Venezia Giulia, con legge regionale nr. 230, la concessione al CONI di un contributo straordinario di 50.000 euro, al fine di consentirne l’esposizione presso Villa Carnera in Sequals.

Purtroppo questo non è stato sufficiente in quanto il valore di mercato, ipotizzato dall’erede, è di almeno tre volte tale contributo.

È in questo contesto che ci appelliamo alla responsabile sensibilità di tutte le Istituzioni e Associazioni sportive sulla improrogabile ed urgente necessità di assicurare la permanenza nel nostro territorio di un cosi grande e inestimabile cimelio al fine di poterlo decisamente annoverare quale vero e autentico patrimonio nazionale”.

Enrico Odorico
(Sindaco di Sequals, PN)

 

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...