Un altro pugile accusato di tentata violenza sessuale. È il portabandiera della Namibia

57a8a7bbc36188f44e8b4605

Un altro pugile è stato arrestato per tentata violenza sessuale.

Jonas Junius, 22 anni, attualmente è interrogato nella stazione di polizia di Receio. Se le accuse saranno confermate verrà trasferito nel carcere di Bangu.

L’accusa è quella di avere tentato di violentare una cameriera del Villaggio Olimpico.

“Jonas Junius ha cerca di afferrare e baciare una cameriera che è riuscita a districarsi. L’incidente è avvenuto all’undicesimo piano del Padiglione 2, in costruzione al Villaggio Olimpico.” Così è scritto nel primo referto di polizia.

Il pugile della Namibia avrebbe dovuto combattere, nella categoria dei superleggeri, giovedì 11 contro il francese Hassan Anizile nei sedicesimi di finale.

Il primo a divulgare la notizia è stato il giornalista Gabriel Elizondo di Al Jazeera.

jonas-junius

L’ambasciata della Namibia, interpellata, non ha voluto commentare il fatto.

Jonas Junius è stato il portabandiera del suo Paese nella cerimonia di apertura di sabato.
Rischia fino a dieci anni di prigione.

Dopo il marocchino Hassan Saada, al momento detenuto nel carcere di Bangu, un altro pugile sarebbe dunque coinvolto in un atto criminoso.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s