“Sono la fidanzata di Phelps. Ero un uomo”

kover

HA TIRATO la bomba e poi è rimasta a vedere l’effetto che fa.

Taylor Lianne Chandler ha lanciato oggi il messaggio sulla sua pagina Facebook, il social network diventato ormai piazza globale, luogo dove colpire e affondare.

Sono la fidanzata di Micheal Phelps. Quando sono nata mi chiamavo David Ray Fitch ed ero un uomo.

tabloid

Con pazienza ha raccolto e ripubblicato su FB tutte le notizie generate dall’annuncio. A testimonianza della sua relazione con il fenomeno del nuoto ha postato la copertina del National Enquirer, tabloid scandalistico che non si può dire abbia la stessa autorevolezza del New York Times.

Foto della coppia non esistono. L’unica fonte è la signora Chandler. Ma è bastato un clic su Facebook e la notizia è diventata di dominio mondiale.

Taylor-Lianne-Chandler

Sono nata intersex, ma non sono mai stata un uomo, né mi sono mai sentita tale. Da teenager ho bloccato il testosterone, a vent’anni ho subito un intervento chirurgico per il cambio di sesso.”

È stata prodiga di particolari anche riguardo la sua relazione con Phelps.

Ci siamo conosciuti durante una partita dei Baltimora Ravens per la NFL. Nell’intervallo abbiamo fatto l’amore. Con nessun altro mi sono mai sentita donna come con lui. Dopo abbiamo rifatto sesso.”

Decine di giornali online, soprattutto negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, hanno ripreso la notizia. Il Mirror ha offerto il maggior numero di informazioni sulla signora.

Il tabloid inglese, sul suo sito web, ha scritto che è nata nel 1973 intersex: con il membro maschile ma senza testicoli.

A 16 anni è andata via da casa. A 18 è stata fermata per guida in stato di ebrezza.

sito

È stato in quel periodo, sempre secondo il Mirror, che avrebbe confessato “Sto pensando di ricattare qualcuno per farmi dare i soldi dell’intervento.”

Scoperta e arrestata, è stata condannata a trenta giorni di carcere.

Nonostante sia sul certificato di nascita che sulla patente fosse scritto che era di sesso femminile, è stata messa nel reparto maschile in cella con altri tre detenuti che l’hanno stuprata.

Il Mirror conclude dicendo che, secondo la Chandler, lei e il campione di nuoto si sarebbero incontrati grazie all’app Tinder. Primo appuntamento allo stadio di Baltimora. Il resto l’ha raccontato lei stessa.

Ora teme che Michael Phelps una volta uscito dalla riabilitazione (è fermo per essere stato trovato alla guida in stato di ebrezza) non vorrà più vederla. E Taylor Lianne piange anche per come alcuni giornali online hanno riportato la notizia.

Non spiega però da nessuna parte come mai abbia pensato di renderla pubblica su Facebook prima di confessarla al suo fidanzato.

Perché, è sempre la signora a parlare, lui non ne sapeva assolutamente nulla.

1779278_711714388904990_5237475643206023265_n

Questa la storia. A tenerla in piedi ci sono solo le parole di Taylor Lianne Chandler (tutte le immagini sono della sua pagina Facebook). Né foto, né video a supporto, nonostante di ritratti in ogni posa la signora ne abbia messi in circolazione a centinaia (sono in larga percentuale degli autoscatti).

Sul profilo FB della Chandler sono indicati anche l’agente che cura le sue pubbliche relazioni, con relativo nome e numero di telefono, e telefono/email della stessa Taylor Lianne che si dichiara disponibile per pubbliche apparizioni.

Michael Phelps si sta curando per problemi con l’alcool. Vera o falsa che sia non è certo questa una notizia che potrà aiutarlo nel suo cammino di riabilitazione.

 

 

Advertisements