Un marine italo-americano cerca il colpo a sorpresa contro Brook

il

Kell Brook non combatte dall’8 dicembre 2018, quando ha sofferto per superare ai punti Michael Zarafa.
Brook ha perso per ko due degli ultimi quattro match: contro Gennady Golovkin nei medi, contro Errol Spence jr nei welter.
Ora si presenta nei superwelter dopo quattordici mesi di assenza dal ring.
Eppure non c’è bookmaker che non lo dia nettamente vincente: William Hill paga la sua vittoria appena 1.05 (punti 100 dollari, ne intaschi 105).
Mark DeLuca jr, mancino di trentuno anni, si presenta sul ring da vittima designata (lo stesso William Hill lo offre a nove volte la posta: ogni 100 dollari ne tornerebbero a casa 900 in caso di una sua sorprendente vittoria).
Mark, come appare evidente dal cognome, è un italo-americano. Sulla spalla sinistra ha tatuate le bandiere dei due Paesi uniti da un paio di guantoni. Ha vinto 24 dei 25 match disputati (13 volte prima del limite). L’unica sconfitta, contro Walter Wright è figlia di uno di quegli strani verdetti per cui alla fine su 12 round ci sono otto punti di differenza tra due giudici. Nella ripetizione del combattimento si è preso la rivincita.
Viene da una famiglia di emigranti di seconda generazione. In casa si tifava per i nostri pugili, Rocky Marciano e Tony DeMarco su tutti, e per quelli del posto: Marving Hagler, il Meraviglioso.
Pugile anche Mark sr, il papà.

Due le date chiave nella vita di Junior.
Nel 2010, con un record da professionista di 8-0 (5 ko), è stato chiamato dal corpo dei Marine. Lo hanno mandato in Afghanistan come mitragliere. È rimasto lì quasi un anno, poi è rientrato tra i riservisti.
Nel luglio 2013, il papà ha avuto un terribile incidente: la sua moto è stata travolta da un SUV. Ha subito numerose fratture e danni cerebrali che, dopo una lunga degenza, lo hanno costretto sulla sedia a rotelle.
Dal papà ha ereditato nome e soprannome. Senior lo chiamavano Bazooka, è così anche per lui.
Fermo dal 2010 al 2014 per motivi, come detto, di famiglia. Ma anche per quattro operazioni alle spalle e alla mano.

Il suo manager non sarà a bordo ring.
Ken Casey suona con il gruppo punk Dropkick Murphys e stasera, proprio nel momento in cui avrà inizio la sfida tra Brook e DeLuca, lui salirà sul palco a Parigi per un concerto.
Il tempo delle parole è finito. Si va in scena.
Stasera Sheffiel Arena, attorno alle 23:00 ora italiana, Kell Brook vs Mark DeLuca, numero 7 della WBA. Diretta su DAZN.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...