Sabato l’AIBA elegge il nuovo presidente ad interim. Nulla è cambiato…

L’Aiba è sempre più in affanno e la figura di Umar Kremlev, segretario generale della Federazione russa, assume sempre più importanza.
Tre i prossimi appuntamenti.
Confermata la riunione di sabato 31 agosto a Istambul, dove sarà nominato il nuovo presidente ad interim (il terzo capo del movimento in nove mesi) e il nuovo presidente della Commissione Etica.
Il 15 novembre a Losanna si terrà il Congresso straordinario che dovrà dettare le linee guida. In quell’occasione dovrebbe essere fissato l’appuntamento decisivo per il futuro dell’Associazione: il Congresso elettivo che dovrà indicare la persona in grado di portare l’AIBA fuori dalle difficoltà in cui si trova al momento.
Ed è proprio qui che si annida il problema.
C’è una spaccatura. Due gruppi in conflitto tra loro.
Uno vuole andare alle elezioni nei termini previsti dall’attuale statuto, cioè entro il 29 marzo 2020.
Un altro vuole modificare lo Statuto, in occasione del Congresso del 15 novembre, inserendo una norma che allunghi i termini per la nomina del presidente.
La bulgara Emilia Grueva è tra le più attive in difesa dei tempi brevi. Sia per avere subito un punto fermo da cui partire, sia per tentare un’azione che porti soldi nelle casse dell’AIBA sollevando così le finanze attualmente in affanno.
È la strategia di Kremlev che ha proposto la creazione di un fondo globale mondiale gestito da società specializzate.
In favore di Kremlev e della Federazione russa si è espresso l’uscente presidente ad interim Mohamed Moustahsane (nella foto) in una lettera destinata alle Federazioni nazionali e inviata anche alla stampa specializzata.
In quel documento ringrazia il dirigente e la sua federazione per avere allestito i due Mondiali maschili e femminili, la giornata internazionale della boxe, il Global Boxing Forum.
“In due anni ha fatto progressi incredibili”.
Moustahsane ha smentito la possibilità di bancarotta per l’AIBA, precisando che l’organizzazione si sta muovendo per dare nuova stabilità alle proprie finanze. Ma non ha indicato come e quando queste operazioni avranno inizio.
La data più probabile per il congresso elettivo resta al momento quella del 28 marzo 2020.
Sabato sarà scelto invece il nuovo presidente ad interim tra i quattro attuali vice presidenti: Osvaldo Bisbol (Argentina), Anas Al Otalba (Emirati Arabi), Franco Falcinelli (Italia) ed Edgar Tanner (Australia).
Ha scritto Liam Morgan sul sito specializzato insidethegames.biz: “Falcinelli ha già ricoperto il ruolo, il suo ritorno alla presidenza ad interim sarebbe un esempio quasi perfetto delle preoccupazioni gravi del CIO sulla governance dell’AIBA.  Vale la pena ricordare che l’italiano è stato sospeso dal Comitato Esecutivo per aver cercato di sollecitare l’appoggio a Serik Konakbayev, lo sfidante di Rakhimov nelle sfortunate elezioni presidenziali, ma due mesi dopo è stato autorizzato a candidarsi per la rielezione alla vicepresidenza. Ha anche felicemente cambiato posizione in numerose occasioni, al punto che non sarà mai chiaro dove poggi la sua adesione.
Bisbal sta affrontando un voto di sfiducia da parte delle Federazioni Nazionali americane dopo essere stato menzionato direttamente nel rapporto CIO sull’AIBA. L’argentino è stato presidente della Commissione Arbitri e Giudici all’Olimpiade di Rio de Janeiro 2016, in quei Giochi segnati da uno scandalo sulla corruzione che ha visto sospesi tutti e 36 arbitri e giudici.
Si dice che Tanner sia stato avvertito di non proseguire nella candidatura da un alto dirigente australiano, mentre Al Otaiba è diventato presidente della Confederazione Asiatica solo nel novembre dello scorso anno”.
Il CIO non commenta, rimandando qualsiasi discorso politico e finanziario a dopo l’Olimpiade di Tokyo 2020. Finora non ha avuto alcuna risposta positiva su finanze, governance, arbitraggi. Se l’AIBA continuerà su questa linea sarà difficile che riconquisti lo status di federazione internazionale. Diventa sempre più attuale la possibilità che Parigi 2024 possa essere gestita da una nuova associazione mondiale.
I personaggi sono sempre gli stessi da anni. Gli errori sono stati epocali e hanno prodotto danni enormi, per la prima volta nella storia l’AIBA non avrà giurisdizione su un torneo olimpico, mentre le casse sono impoverite al limite del collasso.
Eppure vanno avanti come se nulla fosse. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...