E chi non beve con me, peste lo colga. Gli auguri del presidente…

GLI AUGURI DI BUON ANNO DEL PRESIDENTE FPI LAI.

Così recita l’estroso titolo che campeggia sul sito federale.

Auguri? Buon anno?

Mi sembra di sentire la voce di Amedeo Nazzari nella Cena delle Beffe.

Leggendo il testo livoroso, rubo il termine al dirigente meno medagliato della storia della FPI, mi sembra di trovare più accuse che auguri. In assoluto contrasto con l’equilibrio che dovrebbe contraddistinguere chi occupa quel ruolo.

Vado con ordine.

Punto uno.

Mi chiedo da quale pulpito possano venire queste isolate critiche, mi chiedo anche chi siano i super Maestri o ritenuti tali che non hanno mai creato un pugile, che non hanno mai disputato una finale o che non hanno mai organizzato un evento che lanciano assurde proposte e soluzioni miracolistiche per il nostro sport.
Non li conosce? Le faccio qualche nome, vediamo se posso aiutarla: Alessandro Duran, Massimiliano Duran, Patrizio Oliva, Meo Gordini, Gino Freo. Li conosce? Sono loro quelli che non hanno mai creato un pugile? Eppure sono tra coloro che di certo non applaudono all’attuale gestione della sua federazione.

 

Punto due.

Per quanto riguarda l’attività internazionale AOB credo che i risultati ci abbiano dato ragione, quarantacinque medaglie conquistate nei vari campionati internazionali. Un buon bottino.

E basta con questa storia del medagliere ricco! Il 2018 non ha visto impegni maschili a livello europeo e mondiale assoluti (assieme alle Olimpiadi gli unici appuntamenti davvero importanti). Bene le donne a livello europeo: 1 oro e due bronzi a Sofia. Male a livello mondiale: nessuna sul podio a New Delhi, sei eliminate al primo turno, due al secondo match, una al terzo. Schoolboys, Youth, Under 22, Junior, Giochi del Mediterraneo, Olimpiadi giovanili sono di preparazione agli impegni seri, non testimoniano certo il valore tecnico di una nazione.

Punto 3.

Purtroppo in questo momento dove la condivisione sarebbe quanto mai opportuna, ci sono tesserati che già sono in campagna elettorale e pensano al dopo Tokyo.”
Giuseppe Macchiarola, anzi dottor Giuseppe Macchiarola. E lo faccia ‘sto nome presidente, non abbia paura. È l’unico elemento dell’opposizione in seno al Consiglio Federale, uno dei potenziali candidati alla presidenza nelle prossime elezioni. Mancano ancora due anni alla consultazione e già le crea così tanto disturbo?

Punto 4.

Non dimentichiamoci, al di là delle farneticazioni e delle chiacchiere sui social… Nonostante il  notevole  impegno di tutto l’apparato federale, mi dispiace riscontrare ancora certe pretestuose e non qualificate critiche che appaiono dettate solo dal livore personale e che trovano la loro esasperazione soprattutto sui social.”

Fossi in lei avrei evitato l’argomento farneticazioni (ragionamenti sconclusionati, fantasie, immaginazioni, secondo la Treccani) e avrei omesso di scrivere pretestuose e non qualificate critiche. Leggendo sul sito federale (cito testualmente) “Martina La Piana è stata capace di regalare allo sport italiano la prima medaglia olimpica di un’atleta donna nella boxe” ho pensato che se c’è qualcuno che non deve parlare di fantasie e immaginazioni e deve tacere su pretestuose e non qualificate affermazioni è l’Ente che ha scritto, sostenuto e mai cancellato un’affermazione del genere. L’Ente che ha lei alla presidenza. Con tutta la stima per Martina La Piana. E se qualcuno avesse ancora dei dubbi su farneticazioni e critiche non qualificate, lo pregherei di rileggersi la voluminosa documentazione su progettazione, scelta, accordo, attività e chiusura del rapporto relative all’ingaggio dei due tecnici cubani.

Punto 5.

Abbiamo il dovere di vivere il presente e di interessarci alla boxe del momento perché non è ancora chiaro, ad esempio, come saranno gestite le qualificazioni Olimpiche e le WSB  dal momento che AIBA e CIO non hanno ancora chiarito alcuni aspetti  della loro vicenda conflittuale.”

Ma no? Adesso avete scoperto che l’AIBA è quantomeno criptica. Non ho sentito critiche neppure alla vigilia delle ultime elezioni presidenziali mondiali, non le ho lette nella dichiarazione (che noi giornalisti, in gergo, definiremmo remata) rilasciata al sito boxeringweb.net . Sembrava che tutto fosse in divenire, nessuna certezza se non quella di restare fermi, in attesa di capire come sarebbe evoluta la situazione.

A questo punto le chiedo la cortesia di riflettere su una domanda: chi è il presidente onorario della Fpi? Le fornisco un aiutino: è Franco Falcinelli, che è nell’Esecutivo Aiba dal 2002, è stato vice presidente con Wu e ora ricopre lo stesso ruolo con Rakhimov.

Poteva almeno chiedergli informazioni, o addirittura qualche consiglio su come muoversi.

Buon anno anche a lei, presidente.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...