Pensioni, i privilegi dei parlamentari

aula

  • Questo è un estratto dell’articolo di Andrea Telara pubblicato sul settimanale Panorama l’8 novembre 2013. Le regole da allora non sono più cambiate. E si continua a parlare di riduzione delle pensioni, di ricalcolo da retributivo a contributivo, di lotta alle pensioni d’oro, di innalzamento dell’età pensionabile. Tutto questo, ovviamente, vale solo per la gente comune. Il Parlamento è esente. Loro sono diversi.

Circa 7 milioni di euro in più rispetto all’anno scorso. E’ la crescita del costo delle pensioni dei parlamentari italiani, scritta nero su bianco nel bilancio della Camera e del Senato e riportata anche dal Sole 24Ore. Si tratta di un aumento inaspettato, che avviene nonostante i due presidenti Piero Grasso e Laura Boldrini abbiano messo in atto una spending review, cioè un piano di revisione della spesa di entrambe le assemblee legislative. Sul costo complessivo dei vitalizi di deputati e senatori, non si vede neppure l’effetto delle nuove regole entrate in vigore nel 2012, che hanno reso meno generoso il trattamento previdenziale dei parlamentari.
Per capire la ragione che sta alla base di questi dati, bisogna compiere qualche passo indietro e ripercorrere ciò che è accaduto negli ultimi due anni. Fino al 2011, i parlamentari potevano beneficiare di un assegno previdenziale d’oro, che maturava dopo appena un quinquennio di legislatura. In realtà, non si trattava di una vera e propria pensione ma di un vitalizio che è presente in molte altre democrazie e che non viene pagato dall’Inps (come per gli altri lavoratori) ma pesa direttamente sui bilanci di Camera e Senato, che si comportano con regole completamente diverse rispetto agli altri enti pubblici.
Con l’andare del tempo, però, il vitalizio dei parlamentari si è trasformato in un vero e proprio privilegio, che grida vendetta se raffrontato alle pensioni della stragrande maggioranza degli italiani, colpiti da riforme previdenziali sempre più severe.
Fino al 2011, infatti, si poteva ricevere una rendita dopo aver svolto appena un mandato di 5 anni e dopo aver compiuto il 65esimo anno di età. La soglia anagrafica per avere il vitalizio scendeva progressivamente fino a 60 anni per ogni anno di permanenza in Parlamento superiore al quinto. Il privilegio non stava tanto nei requisiti di età, quanto piuttosto nell’importo dell’assegno. Versando contributi per appena l’8,6% dell’indennità ricevuta, corrispondenti a circa mille euro al mese , i deputati e i senatori percepivano dopo 5 anni un vitalizio di oltre 3.108 euro lordi. Secondo i calcoli di Emilio Rocca, economista dell’Istituto Bruno Leoni, le rendite incassate dai vecchi parlamentari oggi superano di oltre il 500% gli accantonamenti contributivi effettuati. Il tutto, mentre le pensioni dei parlamentari esteri sono assai meno generose: in Francia, per esempio, i vitalizi dipendono dai contributi versati e ammontano in media a 2.700 euro al mese circa (ma c’è anche chi percepisce molto meno).
Per mettere fine a questi privilegi, dal 1° gennaio 2012 le pensioni dei parlamentari sono state rese meno generose. I requisiti di età sono rimasti gli stessi (tra 60 e 65 anni) ma gli assegni vengono calcolati con il metodo contributivo, cioè soltanto in proporzione ai contributi versati, come avviene per tutti gli altri lavoratori. Peccato, però, che in questa riforma ci sia un dettaglio non trascurabile: le nuove regole si applicano con il sistema pro-rata, cioè valgono soltanto per la parte di pensione maturata dopo il 31 dicembre 2011.
Chi stava in Parlamento nella scorsa legislatura, dunque, ha maturato il diritto a percepire una quota cosistente del vitalizio calcolata con le vecchie regole e non con il nuovo e meno vantaggioso metodo contributivo. E’ proprio questo dettaglio che spiega perché la spesa per le pensioni di deputati e senatori è aumentata, nonostante la spending review di Grasso e della Boldrini.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s