Sex, meteo, Peppa, Belen, speranza

peppa

Sex, Festa San Valentino, meteo.

Perché vengono le blatte?

Peppa Pig, Belen, Robin Williams, Suor Cristina.

Speranza più che paura. Scienza più che finzione.

Non sono impazzito. Ho solo fatto una piccola ricerca. Incuriosito dalla ripetitività di alcune parole nei titoli dei blog, giornali compresi, mi sono chiesto: “Perché”? Dopo cinque secondi, sono tardo nel realizzare quello che tutti hanno già capito prima di me, mi sono ricordato che esistono delle parole chiave che gli esperti della Rete consigliano di inserire nei titoli per raccogliere più click. Trascurando il piccolo particolare che non producono fidelizzazione, non creano interesse nel brand, non invogliano a tornare. L’importante è il volume di traffico, dicono che sia l’unico modo per mostrare la propria “forza” agli inserzionisti. Stiamo messi proprio male.

Dicono che l’abilità nella titolazione attraverso parole/specchietto per il lettore ingenuo, sia il segreto di un blog di successo. Un po’ come la ricerca esasperata dei “Mi Piace” su Facebook. E io che pensavo dipendesse dalla credibilità del sito, dal numero di notizie in tempo reale offerte, dalla professionalità dei commenti, dall’interesse suscitato dai video, dagli scoop.

Ma dove vivo?

Una foto di un bel paio di tette, accompagnata preferibilmente da uno sguardo lascivo, dicono raccolga più click di uno scorcio di vita fissato per sempre da un’immagine che ruba la realtà.

E allora via con sex, sexy. E poi ancora sexy, sexy, sexy. Tutto nella stessa homepage. Mah…

Microsoft e Google offrono statistiche in proposito.

Sembra che solo “meteo” possa competere come parola chiave di ricerca con “sex”. Ma la trionfale rivincita delle anime candide non si è fatta attendere. E così ho appreso con stupore che nel 2014 Peppa Pig ha scalzato Belen dal primo posto dei personaggi feminili! Terza la truccatrice e blogger Clio. Quarta Suor Cristina, appunto.

C’è una classifica che mi fa impazzire. È quella dedicata ai perché.

Prima e per distacco la domanda: “Perché vengono le blatte?”.

Come direbbe il mio comico di riferimento Maurizio Battista: “Voi nun state bene!”. In tutti i sensi.

Confesso.

Ho voluto fare un esperimento e ho messo le parole più cliccate, tutte assieme, nel titolo. Ne è venuto fuori il delirio di un alcolista di provata fede. Vediamo quanti click mi ripagheranno di un’operazione di cui già mi vergogno. Ma è solo uno studio statistico…

 

Advertisements