N’Dam, Rio è cancellata. Un brutale ko e adesso l’occasione mondiale…

756629-696x463

Hassan N’Dam N’Jikam, Rio è ormai dimenticata.
È strana la storia di questo 33enne camerunense.
Presto si batterà in Giappone per il titolo Wba dei medi contro l’idolo locale Ryota Murata (12-0, 9 ko), oro ai Giochi di Londra 2012 nei medi. All’Olimpiade N’Dam (35-2, 21 ko) è approdato quattro anni dopo. E non gli è andata bene. Fuori al primo turno.
Era arrivato in Brasile senza troppa convinzione. Una settimana prima aveva combattuto a Le Cannet contro Tomasz Gargula (18-2-1, 5 ko) in un match che era previsto sulle distanza delle otto riprese. Una successo facile facile, con il polacco (al tappeto già nel terzo round) che non aveva opposto alcuna resistenza.
Poi era volato a Rio. E lì si era accorto che Michel Borges, il brasiliano che era salito sul ring assieme a lui nel match d’esordio, non aveva alcuna intenzione di imitare Gargula. Lui il combattimento voleva farlo.
N’Dam aveva impiegato sei minuti a capire dove si trovasse e per cosa stesse combattendo. Poi, nel round finale, aveva provato a fare qualcosa che giustificasse il clamore che era stato fatto attorno al suo nome. Quando ha realizzato cosa stesse facendo era già fuori.

hassan-n-dam-ko-boxe-alfonso-blanco-720x402

In verità il camerunense non poteva fare di più.
Combatteva tra i mediomassimi, una categoria che non è decisamente la sua. Era reduce da una preparazione ispirata al professionismo senza alcun tentativo di adattamento a uno sport totalmente diverso come è il dilettantismo olimpico. Non aveva dentro il sacro furore.
Io sono un professionista, questa è la mia carriera e questo è il mio lavoro“.
Ma non sarà difficile passare in così poco tempo dalle otto alle tre riprese?
Ho già dimostrato di sapermi adattare“.
Quando partirà per Rio?
Lunedì, il primo match è sabato. Ho tutto il tempo per superare i problemi legati al fuso orario“.
Così aveva parlato N’Dam subito.
Michel Borges gli ha dimostrato che si sbagliava.

N’Dam è tornato a casa, si è allenato duramente e il 17 dicembre scorso ha affrontato il campione interim Wba dei medi Alfonso Blanco: 12 match, 12 vittorie con 5 ko, due anni più giovane.
La sfida è durata ventuno secondi, kot al primo round.
Un destro devastante ha chiuso la partita. Un knock out tremendo.
Adesso si batterà per il titolo assoluto e guadagnerà una bella borsa.
Rio è cancellata, meglio il professionismo…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s