L’incredibile storia di Danny “Miracle Man” Jacobs, l’uomo che sabato sfida Golovkin…

Non so se sabato notte Daniel Danny Jacobs riuscirà nell’impresa di fermare la corsa di Gennady Golovkin. Ma so che quello è il finale da film che lui sogna.

Lo chiamano Miracle Man. E quel soprannome lo merita tutto.

È un sopravvisuto. Appena sei anni fa, mentre soffriva su un lettino d’ospedale, gli avevano detto che non avrebbe più combattuto. Che molto probabilmente non avrebbe più camminato. Che rischiava di morire.

Era la primavera del 2011 e Danny girava l’Iraq in visita alle truppe americane. Il dolore che da qualche tempo sentiva alle gambe si era fatto sempre più forte, fino a diventare insopportabile. Era tornato a Brooklyn, si era fatto visitare.

Dopo una TAC e due risonanze magnetiche la diagnosi era stata terribile: osteosarcoma, tumore maligno delle ossa (fonte New York Times).

Jacobs aveva 23 anni ed era un pugile professionista.

Da dilettante aveva vinto quattro volte i Golden Gloves, da professionista aveva un record di 22-1 e uno sfortunato tentativo per il titolo Wbo dei medi alle spalle.

Il 31 luglio del 2010 era salito sul ring di Las Vegas per affrontare Dmitry Pirog, corona in palio. Quattro giorni prima era morta la nonna a cui era molto legato. Il suo clan aveva proposto il rinvio del match, lui non aveva sentito ragioni. Sarebbe salito sul ring e avrebbe dedicato la cintura alla nonna. Ma la vita non è una favola e la boxe non perdona i cali di concentrazione. Pirog, in svantaggio sui cartellini di tutti e tre i giudici di due punti all’inizio del quinto round, scagliava un violento destro di incontro che centrava il ragazzo di Brooklyn alla mascella. L’arbitro neppure dava inizio al conteggio. Knock out dopo cinquantasette secondi di quella maledetta ripresa.

Un anno dopo, il cancro alle ossa.

L’operazione era durata sei ore.

Piangevano tutti. Il manager, la famiglia, gli amici. Speravano uscisse vivo da quella sala d’ospedale, i più ottimisti speravano tornasse a camminare.

Danny Jacobs ce l’ha fatta. È vivo, è tornato a camminare, ad allenarsi, dopo diciannove mesi è addirittura salito di nuovo sul ring.

Da quel giorno, per tutti, è diventato Miracle Man.

Oggi ha 30 anni e non ha certo dimenticato.

Ha una sua fondazione con cui aiuta i bambini in difficoltà. Visita gli ospedali e regala una parola di conforto: “Io sono stato dove voi siete ora. So cosa state provando. Ma ricordatevi, c’è una speranza. Non perdetela mai”. Aiuta anche chi è vittima del bullismo: “Avevo 14 anni e andavo al college. Un mio compagno mi tormentava. L’ho invitato a salire sul ring, l’ho sconfitto. E con lui ho sconfitto le mie paure”. Non tutti possono percorrere la stessa strada, ma la forza interiore e il coraggio di denunciare i soprusi può trovarli anche chi non ha i muscoli di Danny.

Sabato torna al Madison Square Garden di New York.

Aveva quindici anni la prima volta che è entrato in quel tempio per assistere a un’edizione dei Golden Gloves, la boxe era la sua passione. Sperava diventasse anche il suo lavoro.

Così è stato.

Adesso ha in bacheca la cintura Wba dei pesi medi. E sabato, con un record di 32-1-0 e 29 ko, sfida l’imbattuto Gennady Golovkin: 36 vittorie su altrettanti match, 33 prima del limite.

È decisamente un underdog, i bookmaker pagano cinque/sei volte ogni puntata sulla sua vittoria. Ma Miracle Man non dispera e continua a sognare…

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s