Nelson Mandela, il senso della boxe e lo sport come aiuto alla vita

Immagine

Il 5 dicembre di due anni fa moriva Nelson Mandela. Mi piace rendergli omaggio con l’articolo che ho scritto il giorno della sua scomparsa.

Nelson Mandela è morto a 95 anni. Dell’enorme peso politico e sociale di quest’uomo potrete leggere da altre parti. Qui voglio ricordare il suo strettissimo legame con lo sport.

Ha sempre creduto oltre misura in questa attività dell’uomo.

Lo sport ha il potere di cambiare il mondo.

Era una delle sue frasi preferite. E anche se non credo sia vero, o almeno non lo sia in assoluto, è un’espressione che mi ha sempre fatto piacere sulle labbra di uno spirito libero.

E’ stato per ventisette anni prigioniero, pena ridotta rispetto alla condanna all’ergastolo per atti di sabotaggio.

mandela1

In carcere il pugilato lo ha aiutato ad andare avanti. L’ha amato fin da ragazzo, quando andava ad allenarsi in una piccola palestra di Soweto. Ha boxato da dilettante, un peso medio che preferiva la tecnica alla bagarre. Uno che aveva colto l’essenza di questa disciplina.

Amo la scienza del pugilato: la strategia di attaccare e indietreggiare allo stesso tempo. La boxe significa uguaglianza. Sul ring il colore, l’età e la ricchezza non contano nulla. Ma più che il combattimento, a me piace l’allenamento regolare e costante, l’esercizio fisico che la mattina dopo ti fa sentire fresco e rinvigorito.

Si preparava dal lunedì al giovedì, aveva continuato a farlo anche in prigione. Diceva che l’aiutava a stemperare il dolore della libertà negata.

La boxe è un modo per perdermi in qualcosa di diverso dalla lotta politica” aveva scritto nel suo ultimo libro “Conversazioni con me stesso”.

E’ stata una passiona durata tutta la vita. Uscito dal carcere ha continuato a coltivarla come l’età gli permetteva.

mali

Ha incontrato campioni famosi. E’ stato affascinato da Muhammad Ali, al punto da conservare nel suo ufficio da primo presidente nero del Sudafrica i guantoni avuti in regalo dal “più grande”. Ha parlato a lungo e in privato con Sugar Ray Leonard che gli ha donato una delle sue cinture mondiali. Anche questa è andata ad aggiungersi ai cimeli a cui teneva di più. I fuoriclasse facevano la fila per una foto al suo fianco. Le potete vedere in giro su Internet. C’è quella con Leonnox Lewis o Marvin Hagler tra le più famose. Ci sono gli incontri, commoventi, con Joe Frazier e tanti altri campioni.

Madiba, come lo chiamavano affettuosamente un po’ tutti, aveva capito la grande influenza che lo sport aveva sull’uomo. E l’aveva usato come terapia, una medicina per curare la depressione e l’isolamento.

Per quattro anni aveva chiesto ai suoi custodi di poter mettere in piedi una squadra di calcio, anzi come diremmo in Italia di calcetto. Cinque detenuti, tutti neri e poco più che ventenni, condannati a spaccare pietre per 75 anni.

Permesso più volte negato. Così la piccola squadra si era dovuta accontentare di giocare in silenzio all’interno delle celle trasformando in pallone alcuni fogli di carta arrotolati. Poi era arrivato il sì del direttore e finalmente, nell’ora d’aria, era nata la Macana Football Association. La squadra dei detenuti che aveva appreso regole e istruzioni dal libro della Fifa chiesto in prestito alla Biblioteca carceraria.

Per sessanta minuti al giorno tornavano a sentirsi liberi.

Lo sport per Mandela è stato anche e soprattutto il rugby. La sua foto all’Ellis Park con la maglia numero 6 regalatagli dal capitano degli Springbok Jacobus Francois Pienaar è diventata famosa almeno quanto quella di Ali che sbeffeggia Liston finito al tappeto sul ring di Lewiston.

Come aveva più volte ricordato agli affiliati dell’African National Congress “Non ci può essere sport normale in una società anormale.” E solo quando il mondo aveva visto lui, nero, al centro di una nazionale composta quasi esclusivamente da bianchi aveva capito che finalmente un passo importante era stato compiuto sul cammino dell’integrazione razziale. Quattordici bianchi e un nero, Chester Williams. Con Nelson Mandela al centro. Un piccolo passo per il rugby, un grande passo per l’umanità.

Sono volati in Sudafrica solo per stringergli la mano John McEnroe (“Quando mi ha detto che ero un simbolo per lui, ho capito che la mia vita non era stata del tutto inutile”), Ruud Gullit, Lilian Thuram e cento altri ancora.

E quando nel 2010 nel giorno della chiusura del primo mondiale di calcio disputato in terra africana (la cerimonia di apertura si era svolta, guarda caso, l’11 giugno: esattamente quarantasei anni dopo la condanna all’ergastolo di Mandela e dei suoi sette compagni di lotta) ha attraversato lo stadio su una piccola macchina elettrica, mostrando senza paura e con molto orgoglio il suo corpo già devastato dalla malattia, a molti è venuto in mente quel 19 luglio del 1996 quando Muhammad Ali con mano tremante aveva acceso il tripode dell’Olimpiade di Atlanta.

Ecco che la boxe tornava prepotente nella vita di Madiba.

Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso” amava ripetere.

E’ il motto che sintetizza meglio la vita di un Premio Nobel per la Pace, di un uomo che non si è davvero mai arreso.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s