Maurizio Icio Stecca, storia di una magica notte vissuta in terra di Francia

La gioia più grande è quella che non era attesa. (Sofocle) È un dicembre freddo, ventoso. La pioggia viene giù fitta. Niente scrosci d’acqua, né temporali. Solo una lenta, continua pioggerella fastidiosa. Poca gente in strada. Anche il clan italiano, dopo l’allenamento, si è rintanato in albergo. Nella piccola hall, Umberto Branchini, Elio Ghelfi e il dottor Mario Ireneo Sturla siedono su minuscole poltrone. Maurizio “Icio” Stecca se ne sta in disparte. Il match che l’attende non è dei più semplici. Chi gli vuole male dice che sta celebrando un farewell tour, una tournèe di addio. Sostengono sia a caccia … Continua a leggere Maurizio Icio Stecca, storia di una magica notte vissuta in terra di Francia