Gridava: Soy el campeón! All’alba si era ritrovato solo e triste nella città deserta

Erano da poco passate le 4 del mattino e io ero nel minuscolo camerino di Marvin Hagler. Venti persone pressate in quei quindici metri quadri. Il Meraviglioso parlava lentamente. Aveva portato a compimento… Continua a leggere