Lo chiamano l’Incubo. Ha lasciato la scuola per la boxe, sabato sfiderà Golovkin

Vanes sta leggendo un libro di boxe, steso sul letto nel silenzio di una casa tranquilla. Squilla il cellulare. Una, due, tre, quattro volte. Alla fina si lascia convincere, anche perché il trillo del telefonino sta diventando fastidioso. Poggia il libro sul comodino, spinge il pulsante verde del cellulare e accetta la chiamata. Dall’altra parte c’è uno che non ha alcuna intenzione di perdersi in convenevoli. “Ehi ragazzo, c’è quel tizio che si fa chiamare Triple-G o qualcosa del tenere. Vuoi affrontarlo?” “Certo!” Non ci pensa neppure un secondo, lui non ha mai rifiutato un avversario. Non fa eccezione neppure … Continua a leggere Lo chiamano l’Incubo. Ha lasciato la scuola per la boxe, sabato sfiderà Golovkin