Hearn dice: rivincita in novembre a Cardiff. Ma Ruiz vuole il Messico

Anthony Joshua ha tentato di minimizzare la disfatta di sabato notte, anche se sarà difficile dimenticare quattro atterramenti e un sorprendente kot finale.
“Sono cose che capitano nella carriera di un pugile, soprattutto di un peso massimo. Io continuo a pensare che il mio obiettivo sia quello di affrontare Deontay Wilder o Tyson Fury, ma so che dovrò prima prendermi una rivincita contro Andy Ruiz jr. È stato bravo, ma non credo che la prossima volta finirà allo stesso modo”.
Eddie Hearn vuole organizzare il match a novembre in Gran Bretagna, lo stadio di Cardiff in Galles sembra sia la sede più probabile.
Ieri il nuovo campione ha espresso un’opinione diversa. Ha detto Ruiz jr: “Sono il primo peso massimo messicano ad essere diventato campione del mondo. Vorrei difendere il titolo a casa mia, nella patria dei miei genitori. Magari proprio a Città del Messico”.
Andy è nato a Mexicali e si è trasferito giovanissimo in California. Sabato notte dopo la sorprendente vittoria si è presentato in conferenza stampa avvolto in una bandiera messicana.
È assai difficile che il sogno si realizzi. Sembra che per disputare questo match, abbia accettato di firmare un contratto che gli impone una rivincita. Per lui è previsto un compenso di 18 milioni di dollari, ma anche l’obbligo di battersi dove Matchroom deciderà.