Bio

dario

Salve, mi chiamo Dario Torromeo e faccio un mestiere che mi piace da impazzire.
Ho scritto il mio primo articolo in terza elementare, ne ricordo ancora il titolo: “Il pappagalletto”.
Beh, forse l’ho presa un po’ troppo alla lontana.
Sono entrato per la prima volta nel palazzo del Corriere dello Sport in Piazza Indipendenza a Roma nel 1968. Ne sono uscito definitivamente nel 2011, quando sono andato in pensione. Non è che sia rimasto prigioniero per 43 anni, diciamo più semplicemente che era diventata la mia seconda casa quando ero in città.
Ho scritto anche per Il Messaggero, Epoca e GQ.
Per trent’anni sono stato un inviato speciale, ho inseguito storie in ogni angolo del mondo.
Ho commentato dieci Olimpiadi, otto estive e due invernali.
Ho raccontato più o meno centocinquanta mondiali di pugilato; dodici mondiali di nuoto e pallanuoto; decine di Slam di tennis oltre a Coppa Davis, Internazionali e FedCup; un mondiale di calcio, centinaia di partite di Serie A, la Champions League e la Uefa Europa League. Ho scritto storie di Formula 1, moto, atletica leggera, ippica, basket, pallavolo.
Sono stato per due anni telecronista e responsabile del pugilato di Stream. Un’esperienza affascinante. Ho fatto il telecronista anche per Rete4, Italia1 e Sportitalia.
Sono autore di ventidue libri (li trovate nella sezione: I miei libri).
Ho vinto alcuni premi, qui ricordo i cinque a cui sono più legato: Premio Coni nazionale per “costume e inchiesta” 2008, Premio Giorgio Tosatti 2011 alla carriera, Premio Luci e Ombre del Pugilato 1984, XLIV Concorso Nazionale per il Racconto Sportivo 2015 con “Dall’inferno si può tornare”, Premio Selezione Bancarella Sport 2017 con “Anche i pugili piangono”.
Sono in pensione, ma scrivo ancora. Forse più di prima. Non vorrete togliermi questo divertimento…
Oltre che su questo blog, potete leggere i miei articoli su Tennis Match, boxeringweb.net e sportsenators.it.

 

Advertisements

13 thoughts on “Bio

  1. Mi piace il tiuo blog, ho trovato interessantissime le osservazioni sulle pattinatrici. Di sicuro tornerò a leggerti, stasera è troppo tardi. Complimenti.

  2. Caro Dario, non ti ricorderai di me, ma quando eravamo giovani abbiamo giocato insieme alla chiesoletta, quando la buonanima di Padre Guido (pace all’anima sua) sul più bello fermava il gioco perchè la partita era finita. Era poi inimitabile quando col suo accento milanese ci diceva “Primo tempo!”. Oltre che di pallone sono appassionato di boxe e ti leggo sempre con interesse. Ho letto il tuo articolo sul torneo dei massimi e trovo assurdo che al secondo match ci sia l’accoppiamento Russo-Egorov che vale la finale. Temo che stavolta Russo prenda una brutta sveglia, perchè l’Egorov che ho visto vincere nettamente contro l’algerino – uno bravo, campione africano, che aveva una boxe alla Russo: entra e lega o scappa- mi è sembrato mostruosamente forte. Io spero che Russo mi smentisca, ma sulle 6 riprese sfuggire alle mazzate di Egorov sarà durissimo e per batterlo Russo dovrà superare se stesso. Ciao, a presto. Leonardo

    1. Ciao Leonardo, di Padre Guido ci ricordiamo tutti con grande nostalgia. Spero ti sia piaciuto il pezzo che gli ho dedicato in questo blog, Per quanto riguarda il match di Russo devo dirti che tiferò per lui, come ho sempre fatto. Sul web riceve molti insulti, ma io credo che per vincere due mondiali e due argenti olimpici tu debba essere un vero campione tra i dilettanti. Mi dispiace che, qualche anno fa, non abbia tentato il passaggio al professionismo. Probabilmente ha fatto la scelta migliore dal punto di vista economico, meno condivisibile quella sotto il punto di vista sportivo. Credo anch’io che Egorov parta favorito. QUest’anno Russo ha perso per ko 1 ed ha vinto un match contro una avversario inesistente. Poco per confrontarsi contro uno come il russo. Spero di risentirti presto. Ciao.

  3. Ciao Dario,
    mi chiamo Mirko Vitillo e oltre ad essere il figlio di un pugile degli anni 70/80 sono anche appassionato di boxe e ti seguo soprattutto su boxeringweb.
    Volevo informarti, quale rappresentante del mondo della boxe nazionale ed internazionale, della morte di mio padre Vitillo Giovanni, campione italiano di boxe nel 1981-1982, avvenuta giovedi 12 novembre all’età di 61 anni, portato via da un cancro diagnosticato solo 40 giorni prima. Avendo lui combattuto solo a livello italiano non so se hai mai sentito parlare di lui, mi ha fatto piacere vederlo ricordato dal mondo della boxe locale, ai funerali hanno partecipato il presidente del comitato FPI Toscana Ghirlanda, e molti esponenti della boxe locale tra cui anche Bruno Simili, amico e compagno di allenamenti del babbo.
    Vorrei informare il mondo della boxe di questa mancanza ed ho provato a contattare il sito boxeringweb ma senza successo cosi come il sito boxrec; ed allora ho deciso di scriverti raccontandoti in grandi linee la sua storia, e mi farebbe piacere vedere magari un breve articolo su boxeringweb.
    “Il babbo iniziò con il pugilato nel 1970-1971 all’età di 16 anni esordendo come novizio dopo soli 9 mesi di palestra come peso superpiuma. Nel 1976 fu campione nazionale militare dei pesi leggeri. Nello stesso anno fu scelto per rappresentare la nazionale ai giochi olimpici di Montreal ma non vi poté partecipare causa l’epatite C di cui fu vittima. Nel 77 l’esordio al professionismo dove raggiunse il titolo italiano nel 1981. Chiuse la carriera nel maggio 1982 con una vittoria per KO su Sotgia (non come erroneamente riportato da boxrec nel 1984) con un record di 19 vittorie (10ko) 5 sconfitte tutte ai punti (l’unica sconfitta subita per KO in realtà fu per intervento medico a causa di un taglio subito) 0 pareggi. Dopo il ritiro vinse il concorso per operaio comunale. Continuò a insegnare la boxe e a presiedere la pugilistica cascinese (provincia di Pisa) fino ad una decina di anni fa. Lascia una moglie Barbara me e un nipotino di nome Pietro”.
    Ti ringrazio sentitamente per quello che vorrai o potrai fare, e scusami se ho contattato te ma come ti ho già detto non sono risucito tarmite altri canali.
    Un saluto,

    Vitillo Mirko

  4. Per mentalità, sono moderato. Trovo sgradevoli sia le glorificazioni e sia le demonizzazioni. Secondo me esageri nelle tue celebrazioni della boxe, soprattutto te che non puoi non sapere il funzionamento dei meccanismi interni. Della boxe si parla solo dei cosidetti “campioni”, quando vedendo i record anche dei ritenuti più grandi non mi pare che delle loro vittorie quelle ottenute contro gente che voleva batterli siano la maggior parte, nel caso il contrario, invece se ne parla come fossero state tutte eliminatorie. Mi riferisco ai “mestieranti-collaudatori”, quelli che hanno tutte o quasi tutte sconfitte, ingaggiati per “fare” il record o per collaudo nonché per riempire riunioni. Non credo che costoro facciano la boxe per questo sedicente “riscatto sociale” e mi pare che molti morti nella boxe sono proprio tra questi per motivi che non puoi non sapere (emblematico ritengo in tal senso il caso del mio concittadino Gino Verdinelli). Ho iniziato a seguire la boxe col mondiale dei massimi Holmes-Cooney, ancor oggi mi chiedo perché. La boxe non è sport come gli altri, a maggior ragione i suoi morti.

    1. Posso permettermi di consigliarti una lettura? “Dentro i secondi, quando gli ultimi diventano primi”. È vero, è un consiglio interessato dal momento che l’altro autore al fianco di Franco Esposito sono io. Ma è una piccola risposta al tuo dubbio che si celebrino sempre i campioni. Se non ce la fai proprio a comprare un mio libro, leggi pure su questo blog l’articolo “Dieli, anche chi perde ha una storia da raccontare” o “Lettera d’amore del figlio per il papà scomparso”. Un ultima cosa io non ti conosco e non mi permetto di dire cosa puoi o non puoi sapere del mondo della boxe. Ma tu perché, senza sapere nulla della mia storia, ti avventuri in una frase del tipo “esageri nelle tue celebrazioni sulla boxe, soprattutto te che non puoi sapere il funzionamento dei meccanismi interni”?

  5. “Non amo la boxe e non consiglio di salire sul ring” Juan Josè Gimenez – “Se devo rompermi la faccia è giusto che abbia possibilità di guadagnare, altrimenti non ha senso” Dwight Braxton – “Felice d’aver smesso perché non prendo più pugni” Hagler ed altri. Comunque scusa se ho detto cosa inopportuna. Ma non credo si scelga fare boxe come con gli altri sport.
    Nel suo fatale match con Villemain, subìti vari kd Verdinelli manifestò essere arrivato e chiese ad Alfredo Venturi che gli stava all’angolo di gettare la spugna, ma questi rispose che doveva continuare altrimenti non gli avrebbero dato i soldi. Premesso ritenerlo anche vittima di quel tempo, non risultami essere previsto ufficialmente che il “collaudatore” sicuro (o quasi) perdente viene pagato solo se finisce o comunque non molla (anche Braxton parla di “possibilità” di guadagno), come non credo gli venga detto “puoi anche andare giù al primo buffetto che ti pago lo stesso” (penso sia anche per questo la regola “only refree can stop the fight”), ma di ciò non credo ci sia bisogno. Dubito che costoro facciano la boxe per “riscatto sociale”. Fazi (che ho conosciuto com’anche Ballarati) riconosceva l’anomalia della boxe rispetto agli altri sport, a parte aver addirittura proposto di abolire la vittoria per ko. Io ho iniziato a seguirla con Holmes-Cooney ed ancor oggi mi chiedo perché, anche se da tempo me ne interesso solo dal punto di vista storico, l’attuale non mi attira.
    p.s. discutere su internet non mi piace quindi cerco d’essere sintetico, la mia visione è più ampia…

  6. Egregio signor Torromeo io sono Franco Saputo,un ex pugile che lei ha menzionato nella biografia di Monzon,e al riguardo avrei piacere se ci contattassimo per eventuali chiarimenti.Distinti saluti.

  7. Egregio signor Torromeo,sono Franco Saputo,un ex pugile da lei menzionato nella biografia di Monzon,avrei piacere se ci contattassimo per alcuni chiarimenti al riguardo.Distinti saluti.

  8. Salve Sig Dario

    Sono un grande appassionato di boxe ed ex praticante, ho letto molti dei sui libri e seguo sempre con molto interesse i sui articoli sulla boxe, dove mi trovo sempre in perfetto accordo con le sue idee.
    Volevo salutarla e farle i complimenti per il suo lavoro

    Giovanni Soro

  9. CIAO DARIO,SONO LO SCOCCIATORE SILVANO 59 ANNI TANTISSIMI DONATI ALLO SPORT PIU BELLO DEL MONDO COME SPETTATTORE IN QUANTO PROBLEMI FISICI SERI NON MI HANNO PERMESSO DI PRATICARLO, NON TI ARRABBIARE SE USO QUESTO TONO CONFIDENZIALE,MA CREDIMI HO LETTO I TUOI LIBRI FINO A QUELLO SU MARVIN HAGLER,POI GLI ALTRI usciti dal 2012 AD OGGI PURTROPPO NON POSSO COMPRARLI ESSENDO IN CASA INTEGRAZIONE, LEGGEVO GLI ARTICOLI SUL CORRIERE DELLO SPORT E BOXE RING(RIVISTA CHE NON LEGO DA ALCUNI ANNI E COMUNQUE MI MANCA MOLTO) NON TI OFFENDERE MA DOPO RINO TOMMASI SEI QUELLO CHE MI HA AFFASCINATO DI PIU CON I RACCONTI DI ATLETI,MANAGER,TIFOSI,TI AUGURO UN MONDO DI BENE UNITAMENTE AI TUOI CARI E COME DICEVA UNA VECCHIA PUBBLICITA’ “GRAZIE DI ESISTERE”
    TUO DEBITORE SILVANO

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s