Ricordo di Vincenzo Belfiore, custode della memoria per amore…

Ha ragione Emanuele Della Rosa.“La boxe è una droga, per smettere devi andare in comunità”.L’ha detto alle telecamere del regista Roberto Palma nel bel film BOXE CAPITALE.Vincenzo Belfiore non ha mai pensato di disintossicarsi, a lui il pugilato faceva un gran bene. Lo ha frequentato, ne ha scritto, ha messo su un vero e proprio museo. Oggetti, riviste, quotidiani, articoli, foto, libri rari. Per amore, era diventato il custode della memoria di uno sport che aveva sempre alimentato la sua passione.Stamattina la figlia Veronica mi ha chiesto di scrivere un ricordo che ho di lui. Sono stato triste e contento … Continua a leggere Ricordo di Vincenzo Belfiore, custode della memoria per amore…

I Giochi di Tokyo 2020 sempre più a rischio. Lo dicono i numeri…

Il Times scrive che i Giochi di Tokyo 2020 non si faranno.Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga smentisce.Thomas Bach, presidente del CIO, si accoda: “Non c’è ragione per fermarsi. Non è previsto un Piano B”.Un passo indietro.20 marzo 2020.Bach: “Il rinvio di Tokyo 2020 non è in agenda”.23 marzo 2020.Il CIO prende in esame l’idea di un rinvio.31 marzo 2020.Bach annuncia il rinvio al 2021.Deduzione. Le parole non sempre raccontano la realtà. Ci sono sei miliardi di dollari in ballo per il Comitato Olimpico Nazionale, c’è il pericolo di una perdita pari all’1,4% del prodotto interno lordo per il Giappone … Continua a leggere I Giochi di Tokyo 2020 sempre più a rischio. Lo dicono i numeri…

Rodolfo Sabbatini, l’uomo di Hagler e Monzon. Il ponte tra l’Italia e l’America…

Era gennaio dell’86. Trentacinque anni fa. Rodolfo Sabbatini se ne andava via per sempre, stroncato da un infarto. Questo è il mio ricordo di uno dei grandi protagonisti del nostro pugilato. Mi si perdonino le inesattezze, le dimenticanze e la lunghezza.Anche se so che lui non mi avrebbe mai perdonato… Rodolfo aveva avuto un breve passato al Ministero delle Poste. Poi aveva preso a scrivere di boxe, il terzo passo, quello decisivo, l’aveva fatto quando aveva scelto di entrare da protagonista in quel mondo che conosceva benissimo. Gli anni Sessanta sono l’inizio dell’attività da promoter. Il grande salto è datato … Continua a leggere Rodolfo Sabbatini, l’uomo di Hagler e Monzon. Il ponte tra l’Italia e l’America…

La WBA e i salti in classifica. Nulla è impossibile, neppure un mondiale…

La World Boxing Association ha il pregio della perseveranza, continua a scavare anche quando ha toccato il fondo.Beibut Shumenov, 37 anni, ha difeso vittoriosamente il titolo il 7 luglio 2018. Poi, si è fermato. Negli ultimi sei anni ha disputato tre combattimenti.Il 30 novembre 2020 la WBA gli ha spedito una lettera, firmata da Carlos Chavez (presidente del Comitato dei campionati). Gli veniva ricordata la Regola 11 che dice: il campione deve fare una difesa obbligatoria entro un anno dall’ultima difesa contro lo sfidante ufficiale. Piccolo particolare, erano già passati due anni e quattro mesi!Ma non basta.La lettera aggiungeva che … Continua a leggere La WBA e i salti in classifica. Nulla è impossibile, neppure un mondiale…

Loro hanno deciso. I più deboli devono rassegnarsi a non essere curati…

Settimo titolo nella homepage del sito del Corriere della Sera di ieri, 11 gennaio 2021. Testo.“Quando la scarsità rende le risorse insufficienti rispetto alle necessità, i principi di etica possono consentire di allocare risorse scarse in modo da fornire trattamenti necessari preferenzialmente a quei pazienti che hanno maggiori probabilità di trarne beneficio” (testo elaborato dal dipartimento Prevenzione del ministero della Salute che sarà sottoposto all’esame delle Regioni).Un salto indietro di cent’anni.C’è scarsità di posti in terapia intensiva e difficoltà nel reperimento di posti letto in ospedale. Scarsità di personale medico e paramedico. Ma questi sono gli effetti, le cause e i … Continua a leggere Loro hanno deciso. I più deboli devono rassegnarsi a non essere curati…

Damiani, il racconto di una notte di maggio. Il mondiale in tasca (video)

Se la vittoria non è tutto, perchétengono il conteggio dei punti?(Vince Lombardi) Milano, 3 maggio 1989 Il giorno sta per arrivare.Un mondiale dei massimi è al primo posto dei pensieri, ma questo omone di oltre 190 centimetri e più di cento chili non si nasconde in una campana di vetro.Il rivale per il titolo WBO sarà Johnny Du Plooy, un sudafricano. Viene da un Paese in cui l’apartheid, la discriminazione tra bianchi e neri, è ancora viva.«Ed è una crudeltà non degna degli anni in cui viviamo. Siamo nel 2000 e siamo costretti a sopportare il razzismo».Francesco arriva al match … Continua a leggere Damiani, il racconto di una notte di maggio. Il mondiale in tasca (video)

Tiberio Mitri. Campione, attore, scrittore. Bello e maledetto…

“Chissà se morire non sia vivere, e ciò che i mortali chiamano vita non sia morire” (Euripide) Il prossimo 12 febbraio saranno passati vent’anni da quel brutto lunedì, dalla mattina in cui l’Italia ha scoperto di avere perso un campione che aveva amato come pochi altri. Da un po’ di tempo suggerisco Un libro al giorno sulla mia pagina Facebook. Domani “Una botta in testa” di Tiberio Mitri entrerà di diritto tra le storie da leggere. È l’autobiografia del campione europeo dei medi, del pugile che ha affrontato Jake LaMotta per il mondiale, per poi diventare attore e scrittore. Dell’uomo … Continua a leggere Tiberio Mitri. Campione, attore, scrittore. Bello e maledetto…

Ancora una volta la WBA non rispetta le regole, soprattutto le sue…

L’età nel pugilato, come in molti altri momenti della vita e dello sport, si è alzata. La riunione in programma il 29 gennaio, pandemia permettendo, al Seminole Hard Rock Hotel&Casino di Hollywood (Florida) potrebbe essere una testimonianza concreta. Sempre che non salti all’ultimo momento.Non a caso c’è di mezzo la World Boxing Association, l’ente che ignora qualsiasi regola. Soprattutto quelle che sono nel suo statuto.Il clou è il titolo regolare dei massimi. Lo chiamano così, ma visto come gestiscono la situazione non si sa perché mai lo facciano. Il supercampione è Anthony Joshua, l’uomo che difenderà la cintura è Manuel … Continua a leggere Ancora una volta la WBA non rispetta le regole, soprattutto le sue…

Il mistero Liston continua cinquant’anni dopo la scoperta del cadavere…

Il 5 gennaio del 1971, cinquant’anni fa, il cadavere di Sonny Liston veniva scoperto nella sua casa a Las Vegas da un poliziotto della contea di Clark. Lo sceriffo si era deciso a indagare dopo numerosi solleciti di Geraldine, la moglie di Sonny. Sembra fosse già morto il 29 dicembre, ma avrebbe anche potuto essere il 30. Un mistero, come tutta la sua vita. Questa è la storia di un uomo solo. Di niente è stato mai sicuro Sonny Liston, neppure di quando o dove sia nato. Nessuno conosce il giorno della sua morte. Solo lui e l’uomo che lo ha … Continua a leggere Il mistero Liston continua cinquant’anni dopo la scoperta del cadavere…