Iron Mike vuole vedere Mayweather vs Khabib. E lo dice a modo suo

Mike Tyson è uscito allo scoperto. A lui il match tra Khabib Nurmagoumedov (l’uomo che ha sconfitto Conor McGregor) e Floyd Mayweather jr piace. E vorrebbe vederlo. Ovviamente, essendo Tyson, l’ha comunicato a modo suo. Iron Mike ha pubblicato sul profilo Instragram, 6,8 milioni di followers, una vecchia foto del 2014 in cui si vede Dana White mentre dorme, seduto al suo posto in aereo. La prima immagine mostra l’ex campione del mondo dei massimi occupato a scrivere qualcosa sulla fronte del boss dell’UFC. Nella seconda appare il risultato di quel lavoro. DICK. E nulla più. Scegliamo la versione meno … Continua a leggere Iron Mike vuole vedere Mayweather vs Khabib. E lo dice a modo suo

Sabato a Castrocaro Terme la grande notte della boxe (video)

Sabato 27  ottobre sarà il Grand Hotel Terme&Spa di Castrocaro ad ospitare la prima serata di gala della Hall of Fame del Pugilato Italiano. Un evento unico per il nostro Paese nella storia di questo sport. Sette innamorati di boxe si sono chiesti come onorare i grandi campioni. Hanno trovato una risposta in quello che accade da tempo in altre nazioni e da noi invece era assente. Per aprire la Casa della Gloria, BoxeRingWeb (promotore dell’iniziativa) in unione con gli amici del comitato direttivo (Franco Esposito, Davide Novelli, Vittorio Parisi, Alessandro Ferrarini, Gualtiero Becchetti, Flavio Dell’Amore, Dario Torromeo) ha scelto quattro personaggi che nel panorama pugilistico italiano hanno fatto quello che nessun altro … Continua a leggere Sabato a Castrocaro Terme la grande notte della boxe (video)

Mundine: L’inno è razzista. Se lo suoneranno, non combatterò

Anthony Mundine (48-8-0, 28 ko) ha detto che se ascolterà Adavance Australia Fair prima del match contro Jeff Horn (18-1-1, 12 ko) si siederà sul tappeto, rifiutandosi di combattere. L’inno australiano per The Man (è il soprannome e anche il titolo della sua autobiografia) è semplicemente la canzone della supremazia bianca e Horn “un uomo bianco privilegiato”. Boicotterà la sfida, non vuole sentire ragioni. Il match è in programma al Suncorp Stadium di Brisbane, nel Queensland, per il 30 novembre. L’ex campione dei supermedi per la Wba, è arrivato all’incontro che dovrebbe chiudere la sua carriera. Una sorta di regalo … Continua a leggere Mundine: L’inno è razzista. Se lo suoneranno, non combatterò

Lucchetta non conosce il silenzio e ama le banalità. Via l’audio

“Per tutte le nostre presunzioni sull’essere al centro dell’universo, noi viviamo in un comune pianeta di una monotona stella ficcata in un oscuro angolo, in una galassia ordinaria che è di circa cento miliardi di galassie. Questo è il fatto fondamentale dell’universo che abitiamo. Ed è un bene per noi arrivare a capirlo” (Carlo Sagan, astronomo)   Nell’articolo sul Corriere della Sera del 19 settembre scorso, il professor Aldo Grasso, docente presso l’Università del Sacro Cuore e critico televisivo del quotidiano, poneva una domanda ai lettori: “Il telecronista e il commentatore sono al servizio dell’incontro o vale invece la nuova … Continua a leggere Lucchetta non conosce il silenzio e ama le banalità. Via l’audio

Hearns, 60 anni da campione. Tre storie: Duran, Hagler e Minchillo…

Thomas Hearns compie oggi sessant’anni. È stato campione del mondo in cinque categorie. Ha vinto il titolo welter Wba contro Pipino Cuevas (kot 2), quello dei superwelter Wbc per MD contro Wilfredo Benitez, la corona mediomassimi Wbc contro Dennis Andries (kot 10), il vacante medi Wbc contro Juan Domingo Roldan (ko 4), la cintura Wbo supermedi contro James Kinchen per MD 12. Ha chiuso la carriera con un record di 61-5-1, 48 ko. Lo ricordo in una spettacolare vittoria contro Roberto “mani di pietra” Duran, nell’indimenticabile sfida con Marvin Hagler, tre round da leggenda, nel successo contro il guerriero Luigi … Continua a leggere Hearns, 60 anni da campione. Tre storie: Duran, Hagler e Minchillo…

Boxing Hall of Fame Italia sui giornali. E il 27 tutti a Castrocaro Terme

I media hanno accolto con interesse e simpatia l’iniziativa del sito specializzato BoxeRingWeb che ha ideato e organizzato la Boxing Hall of Fame Italia. L’Ansa, il Corriere dello Sport, L’Arena di Verona, il Resto del Carlino, il Corriere di Romagna sono stati tra i primi a riportare la notizia. Il 27 ottobre 2018 il Grand Hotel&Spa Terme di Castrocaro ospiterà il primo evento legato a questa folle e affascinante idea. Nino Benvenuti, Patrizio Oliva, Maurizio Stecca e Giovanni Parisi saranno i primi a entrare nella Casa della Gloria, un luogo che al pugilato di casa nostra è sempre mancato. Il … Continua a leggere Boxing Hall of Fame Italia sui giornali. E il 27 tutti a Castrocaro Terme

Francesco Damiani, da massimo a massimo: Joshua è il migliore

L’ultima volta che l’avevo visto senza la tuta della nazionale si stava allenando in una vecchia scuola elementare del secolo scorso a San Potito, frazione di Lugo. Avevano traformato quel posto in una palestra di boxe, accanto alle guardie venatorie. Per uno strano scherzo del destino ho parlato l’altro giorno con Francesco Damiani fra una battuta di caccia e l’altra, proprio lì vicino, da quelle parti. Perché adesso è lì che suda e allena giovani speranze, adesso però il ring dove i ragazzi fanno sparring è cambiato. Quella volta di tanti anni fa era qualcosa di unico al mondo, era … Continua a leggere Francesco Damiani, da massimo a massimo: Joshua è il migliore

Falcinelli alla guida di un nuovo Ente per portare la boxe a Tokyo 2020?

Mi sbaglierò, ma il pugilato si sta avviando verso una clamorosa svolta. Comincio dai fatti. Se qualcuno avesse mai avuto dubbi sulla posizione del CIO, ieri il Comitato Olimpico Internazionale ha negato l’accredito a Gafur Rakhimov, presidente a interim dell’AIba e unico candidato al Congresso che a Mosca il 2 e 3 novembre eleggerà il nuovo presidente. Gli ha vietato di presenziare ai Giochi estivi della gioventù in corso di svolgimento a Buenos Aires. Il CIO ha detto che la situazione tra i due organismi è congelata in attesa degli eventi. In appoggio a questo atteggiamento ha informato del mancato … Continua a leggere Falcinelli alla guida di un nuovo Ente per portare la boxe a Tokyo 2020?

Il CIO dichiara guerra e minaccia: pugilato e AIBA fuori dall’olimpismo

La notizia di Gafur Rakhimov candidato unico alla presidenza dell’AIBA, non poteva lasciare indifferente il CIO che ha più volte espresso nel recente passato la sua avversione a un’elezione dell’uzbeko a capo del pugilato olimpico mondiale. Il Comitato Olimpico Internazionale, riunito a Buenos Aires dove l’8 e 9 ottobre terrà la sessione numero 133, ha ribadito con durezza la sua posizione, lanciando sul sito ufficiale una vera e propria dichiarazione di guerra contro l’AIBA. Nell’annuncio, oltre a confermare il rischio di esclusione del pugilato dal programma olimpico a partire da Tokyo 2020, il CIO minaccia di disconoscere come Federazione Internazionale la … Continua a leggere Il CIO dichiara guerra e minaccia: pugilato e AIBA fuori dall’olimpismo

Rakhimov candidato unico alla presidenza, Olimpiadi sempre più a rischio

Gafur Rakhimov è l’unico candidato alla presidenza Aiba nelle elezioni che si terranno il 2 e 3 novembre a Mosca. Serik Konakbayev, il potenziale sfidante, per avallare la sua candidatura avrebbe dovuto avere il sostegno di venti Federazioni che dichiarassero i propri intenti in altrettante lettere ufficiali. Alla mezzanotte del 23 settembre, data in cui scadeva il termine di presentazione delle liste, Il kazako si è fermato quota diciannove. Cosa accadrà adesso? L’uzbeko Rakhimov verrà eletto. Davanti a questo dato di fatto si aprono due strade. La prima porta direttamente alla cancellazione del pugilato dal programma olimpico di Tokyo 2020, … Continua a leggere Rakhimov candidato unico alla presidenza, Olimpiadi sempre più a rischio