Rotolando all’indietro Roy Jones jr è arrivato a 49 anni sul ring. L’8 febbraio (forse) si ferma

L’8 febbraio al Civic Center di Pensacola, Florida, Roy Jones jr (65-9-0, 47 ko) disputerà (forse, spero) il suo ultimo match. Quella sera salirà sul ring a 49 anni compiuti. In carriera ha affrontato Bernard Hopkins, Glenn Thomas, Thomas Tate, Virgil Hill, Jorge Castro, James Toney, Vinny Pazienza, Eric Lucas, Tony Thorton, Merqui Sosa, Montell Griffin, Lou Del Valle, Mike McCallum, Otis Grant, Reggie Johnson, Richard Frazier, Richard Hall, Eric Harding, Derrick Harmon, Glen Kelly, Julio Cesar Gonzalez, John Ruiz, Clinton Woods e Antonio Tarver. Negli ultimi quattro incontri, l’uomo che è stato campione del mondo in quattro categorie, ha incontrato: … Continua a leggere Rotolando all’indietro Roy Jones jr è arrivato a 49 anni sul ring. L’8 febbraio (forse) si ferma

Pugile sotto squalifica per doping vince un titolo minore Wba. Come è possibile?

Joe Fournier, un milionario inglese proprietario di vari night club, combatte come pugile professionista nella categoria dei mediomassimi. Ha 34 anni e un record di 9-0, tutte le vittorie sono state ottenute per ko contro rivali di modesto livello. Il 25 giugno 2016, al termine del match contro Mustapha Stin è stato trovato positivo all’esame antidoping. Il verdetto è diventato No Decision e lui è stato squalificato fino al 5 dicembre 2020. In appello la pena è stata ridotta a 18 mesi, terminerà alla mezzanotte del 5 giugno 2018. Il seguito della storia non è così lineare. Dopo il match … Continua a leggere Pugile sotto squalifica per doping vince un titolo minore Wba. Come è possibile?

Storia di un perdente felice. “In 12′ guadagno quello che molti prendono in un mese”

Journeyman, un’etichetta pesante da portare addosso. Nella boxe la regalano a qualsiasi pugile ingaggiato a giornata, buono per un match e nulla più. Senza ambizioni, senza altro futuro che mettere assieme una sconfitta dopo l’altra. Kristian Laight, più di tanti altri, ne ha fatto una professione al punto che lo chiamano Mr Reliable. Ovvero Signor Affidabilità. Così affidabile che ci puoi scommettere sopra, lui perde di sicuro. Ma lo fa da professionista e, soprattutto, non se ne vergogna. Partito con uno sconfortante 0-10-0 da dilettante (dieci match, altrettante sconfitte), un giorno ha capito che il pugilato poteva essere più remunerativo … Continua a leggere Storia di un perdente felice. “In 12′ guadagno quello che molti prendono in un mese”

Piccole storie dei sei pugili che faranno Capodanno sul ring di Tokyo…

A Tokyo si combatte anche l’ultimo dell’anno. Nella nuovissima Ota City General Gymnasium, il palasport costruito nel 2012 in vista dell’Olimpiade del 2020, saranno in programma tre campionati del mondo. Minimosca Ibf e supermondiale Wba. L’unificazione del titolo tra i minimosca è merce rara. Per questo e per il valore dei contendenti sarà il match principale della serata. Il campione della Wba è Ryoichi Taguchi (26-2-2, 12 ko) che ha disputato nove dei suoi ultimi dieci match proprio in questo impianto. Affronta il filippino Milan Melindo (37-2-0, 13), un tipo che a Tokyo lo scorso luglio ha sorpreso tutti mettendo … Continua a leggere Piccole storie dei sei pugili che faranno Capodanno sul ring di Tokyo…

Parliamo di Fragomeni, a 48 anni ancora una volta sul ring…

  L’anima nasce vecchia ma diventa giovane con il tempo. Questa è la commedia della vita. E il corpo nasce giovane e diventa vecchio. Questa è la tragedia della vita. (Oscar Wilde)   Stasera Giacobbe Fragomeni (35-5-2, 14 ko), ex campione Wbc dei massimi leggeri, combatte a Catanzaro contro l’ungherese Tibor Laczo (3-7-0) che viene da sette sconfitte consecutive. Fragomeni ha 48 anni e negli ultimi quattro anni ha subito due devastanti sconfitte contro  Krysztof Wlodarczyk e Rakhim Chakhkiev. Se chiedete a un pugile quale sarà il suo ultimo match, lui vi risponderà: “Il prossimo”. Sempre e comunque. Poi aggiungerà: “Tranquilli, … Continua a leggere Parliamo di Fragomeni, a 48 anni ancora una volta sul ring…

Campione del mondo mette ko il maestro in allenamento (video)

Diciamo che si è trattato di un incidente sul lavoro. Yunier Dorticos, cubano di 31 anni campione Wba dei massimi leggeri (22-0, 21 ko), si stava allenando a Miami con il suo coach Eric “El Tigre” Castanos. Yunier, non a caso, è soprannominato “The Ko Doctor”. Ha vinto dieci volte al primo round, diciassette entro la terza ripresa. Un solo avversario, Edison Miranda (35-9-0), è riuscito a finire in piedi il match. Un sinistro è partito con troppa veemenza, Castanos si è fatto cogliere impreparato ed è finito al tappeto. “Sono cose che succedono tra coach e allievo” ha detto l’allenatore … Continua a leggere Campione del mondo mette ko il maestro in allenamento (video)

Martin Antonio combatte il 23, leggo il suo cognome e faccio un salto indietro di trent’anni…

Stamattina sono andato a guardare sul web le riunioni attorno a Natale, volevo capire quanti pugili nel mondo sacrificassero le feste per stare dietro alla loro passione. Ognuno ha le sue curiosità da appagare. Mentre scorrevo il calendario, un nome ha risvegliato in me vecchi ricordi. Sabato 23 dicembre, a Ranchos: 120 chilometri da Buenos Aires, combatte Martin Antonio Coggi (34-7-3, 17 ko). Affronta German Argentino Benitez (19-2-0, 9 ko) per il vacante Wbo Latino dei superleggeri. Coggi, superleggeri. Nome e categoria di peso coincidono. Martin Antonio ha 34 anni ed è il figlio di Juan Martin, l’uomo che il … Continua a leggere Martin Antonio combatte il 23, leggo il suo cognome e faccio un salto indietro di trent’anni…

Cinderella Man un anno fa voleva ritirarsi, oggi è campione del mondo…

Caleb ha il cranio rasato e un pizzetto sottile, muscoli forti, sguardo sicuro. Ha 33 anni. È nato e abita a Osseo, Minnesota. In questo paesone, meno di duemilacinquecento anime, ha trascorso tutta la vita. Ha visto migliaia di macchine correre lungo la Jefferson Highway, l’arteria che taglia la città da Nord a Sud. Ha passeggiato infinite volte su Central Avenue, guardando le vetrine di negozi che non promettono magie, ma regalano comunque un’immagine di serenità. E Caleb è un uomo sereno. O meglio, lo è stato fino a una settimana fa. Poi Michelle Stocke è stata ricoverata d’urgenza in … Continua a leggere Cinderella Man un anno fa voleva ritirarsi, oggi è campione del mondo…

Era il Natale del ’65. Smokin’ Joe voleva lasciare la boxe, ma un anziano giornalista…

“Camminavo fino a che le gambe non si facevano di pietra sentivo le voci dei miei amici svanire inesorabilmente di notte, sentivo il sangue nelle vene nero e frusciante come la pioggia sulle strade di Filadelfia.” (Bruce Springsteen, Le strade di Filadelfia)   “Woody, ti cercano dal negozio. Dicono che è urgente.” Il giovanotto smette per un attimo di riparare la caldaia in casa della signora O’Sullivan e risponde al telefono. “Ha chiamato un certo Yank Durham. Vuole che lo richiami” urla la commessa, fa così da sempre: ha paura che quello strano aggeggio del telefono non funzioni. “Ti ha … Continua a leggere Era il Natale del ’65. Smokin’ Joe voleva lasciare la boxe, ma un anziano giornalista…

Ha combattuto sei volte per l’Inghilterra, ora è un fantasma che il Ministero vuole deportare

Questa è la storia di Bilal Fawaz detto Kelvin. Nato in Nigeria ventinove anni fa, orfano di madre quando ne aveva otto. Lei veniva dal Benin, il papà dal Libano. Ha quattordici anni Kelvin quando uno zio gli fa sognare un nuovo mondo. “Vai a Londra, lì c’è tuo padre.” Ma a Londra il ragazzo trova solo qualcuno che lo accompagna in una casa dove è picchiato e affamato, ridotto quasi in uno stato di schiavitù, costretto a pulire  stanze, bagni, cucina, corridoi senza avere in cambio niente. Neppure qualcosa da mangiare. Il papà non lo vedrà mai. Kelvin vuole … Continua a leggere Ha combattuto sei volte per l’Inghilterra, ora è un fantasma che il Ministero vuole deportare